MALASANITA'

Morta per iperdosaggio chemio
Per giudice: "un assassinio"

Versione stampabileSend by email

 PALERMO  - "Un assassinio", "la più grave colpa medica mai commessa al mondo". È quanto scrive il giudice Claudia Rosini nelle motivazioni della sentenza (riportata oggi sulle pagine locali di Repubblica) che condanna medici e infermieri del reparto di Oncologia del Policlinico di Palermo, dove il 7 dicembre 2011 Valeria Lembo di 33 anni, madre di una figlia di 7 mesi, fu trattata con una dose letale (dieci volte superiore alla prescrizione: 90 milligrammi invece di 9) del chemioterapico vinblastina utilizzato per curare il morbo di Hodgkin, un linfoma guaribile.

 

 La paziente morì per avvelenamento 22 giorni dopo e non è escluso che potesse salvarsi: "Solo un ricambio completo del sangue, subito, avrebbe potuto - spiega il giudice - dare una speranza alla paziente. Invece, per ben cinque giorni quell'errore venne mascherato come una gastrite post chemio" e il medico specializzando Alberto Bongiovanni, che "scriveva sotto dettatura e non aveva idea di cosa fosse la vinblastina, cancellò lo zero in più" dalla cartella clinica, invece di ammettere l'errore e cercare una soluzione.

 

 Sulla situazione del reparto l'analisi del giudice è impietosa: l'oncologa Laura di Noto, condannata a 7 anni, è descritta come "una copiatrice di dati, scelta dal primario Sergio Palmeri (condannato a 4 anni e mezzo, ndr) perché sempre presente. Una dottoressa che aspettava indicazioni del sovradosaggio da un'infermiera". Il primario, secondo il giudice, era circondato da "fidati vassalli" e l'organizzazione del reparto era "affidata al caso".

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

In primo piano

Ti potrebbero interessare