home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Università, protesta simbolica con blocco alle Ciminiere: no ai test d'ingresso

Una ventina di studenti di varie facoltà dell'Ateneo catanese hanno dato vita ad una manifestazione a sostegno della libertà di accesso ai corsi universitari

Catania - Stamattina una ventina di studenti e studentesse di vari dipartimenti dell'Università di Catania hanno bloccato simbolicamente l'ingresso delle Ciminiere, luogo in cui da anni si svolgono i test d'ingresso per accedere ai corsi di studio dell'Ateneo.

"I test d'ingresso sono sia il primo momento in cui gli studenti vengono inseriti nel mondo dell'Università - dichiara Lara Torrisi, studentessa dell'Università di Catania - ma sono anche il primo momento in cui vengono spronati alla competizione tra di loro. Inoltre il sistema universitario è ormai afflitto da una serie di problematiche delle quali i test sono solo una minima parte: un sistema di valutazione carente e malfunzionante, un enorme divario tra università del nord e università del sud italia, e in generale i finanziamenti di cui l'Università usufruisce, che non sono neanche lontanamente sufficienti per coprire le spese di cui l'università oggi avrebbe bisogno. Crediamo che l'Università debba essere un luogo aperto a tutti, senza barriere nè sbarramenti, in cui tutti possono accedere ai corsi che preferiscono. "


Inoltre gli studenti del Coordinamento Universitario Catania rilanciano un prossimo appuntamento: un'assemblea d'ateneo che si terrà al Monastero dei Benedettini il 21 settembre, in cui si discuterà tra studenti, docenti e ricercatori, dello sciopero degli appelli. "I docenti - continua Lara Torrisi - hanno indetto uno sciopero degli appelli, è ormai risaputo. Noi li supportiamo nella loro scelta di scioperare, e crediamo che vadano costruiti momenti di dibattito Noi li supportiamo nella loro scelta di scioperare, e crediamo che vadano costruiti momenti di dibattito e confronto tra tutte le anime dell'Università, per avere una lotta più decisa e che possa davvero cambiare il destino dell'Università pubblica, che oggi è palesemente svilita e in difficoltà. Sarà un autunno ricco di iniziative e confronti, perchè crediamo che anche gli studenti e le studentesse dell'ateneo sentano il bisogno di confrontarsi tra di loro, e discutere dei problemi dell'Università"

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO