home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Telecamere a circuito chiuso e pit bull per spacciare in serenità: tre arresti

Arrestati dai carabinieri i fratelli Maurizio e Matteo Piterà, che con un loro nipote gestivano un traffico di droga nel quartiere catanese di San Leone. In una palazzina trovati anche alcuni "pizzini" con cifre sulla compravendita

CATANIA - Tre persone, i fratelli Maurizio e Matteo Piterà, rispettivamente di 57 e 61 anni, ed un loro nipote di 33 anni, Antonio Piterà, sono stati arrestati dai carabinieri a Catania per spaccio di sostanze stupefacenti. Secondo l’accusa vendevano cocaina in una palazzina del quartiere San Leone protetti da telecamere a circuito chiuso e da tre Pitbull. I Piterà sono stati rinchiusi nel carcere di Catania piazza Lanza.


Fingendosi clienti, i militari son entrati nella palazzina ed hanno bloccato dapprima Maurizio Piterà e poi, dopo essere entrati in un appartamento anno sorpreso gli altri due a preparare le dosi. Antonio Piterà ha tentato di fuggire da una delle tre verande dell’appartamento, ognuna sorvegliata da un cane. Matteo è stato bloccato mentre tentava di andare in bagno per disfarsi delle droga. I militari hanno sequestrato un apparato di video ripresa completo di monitor, alcuni "pizzini" con cifre sulla compravendita della droga, oltre 10 grammi di cocaina, circa 200 euro in contanti, un bilancino di precisione e materiale utilizzato per confezionare le dosi di droga. 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO