home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Autorimessa e autolavaggio abusivi a Picanello con auto rubata dentro

E' stato anche identificato un lavoratore in nero, invalido civile, costretto ad effettuare esclusivamente turno notturni dietro un corrispettivo di euro 2,20 l’ora. Denunciato un pregiudicato

Catania - La Polizia di Stato ha denunciato in stato di libertà il pregiudicato M.A. per i reati di favoreggiamento reale, sfruttamento del lavoratore mediante l’approfittamento dello stato di bisogno, scarico di acque reflue sporche nel sottosuolo e, ancora, per i numerosi reati in materia di sicurezza e salubrità sui luoghi di lavoro.

Le indagini hanno avuto il via nei giorni scorsi, quando una persona ha sporto denuncia di furto della propria autovettura presso il Commissariato Borgo-Ognina. Dopo svariati accertamenti e riscontri, i poliziotti del Commissariato, dimostrando un’approfondita conoscenza del territorio del quartiere Picanello, hanno individuato l’auto rubata all’interno di un’autorimessa di circa 4000 metri quadri con all’interno oltre 100 veicoli, tra questi anche natanti, con annessa attività di autolavaggio.

Ulteriori accertamenti hanno consentito di appurare che ambedue le attività, l’autorimessa e l’autolavaggio, erano del tutto abusive; inoltre, è che è stato identificato un lavoratore in nero, invalido civile, costretto dallo stato di bisogno a effettuare esclusivamente turno notturni, dalle ore 21.00 alle 6 del mattino, dietro corrispettivo di euro 2,20 l’ora, senza alcuna garanzia previdenziale.

Durante la ricognizione dei luoghi, effettuata unitamente a personale della Polizia Scientifica, è stato riscontrato anche lo scarico illegale delle acque sporche derivanti dall’attività di autolavaggio nel sottosuolo.

Inoltre, sono stai riscontarti numerosi reati in materia di salubrità e sicurezza sui luoghi di lavoro, non essendo stato adottato il documento di valutazione di rischi, con particolare riferimento alla mancanza di estintori, alla sporcizia, all’impianto elettrico non a norma, alla mancanza di dispositivi di protezione e quant’altro a tutela dei dipendenti, degli avventori e dei veicoli ivi parcheggiati. Infine, l’autolavaggio, con le relative apparecchiature, è stato sottoposto a sequestro penale preventivo; alla vittima del furto è stata restituita l’autovettura e quanto in essa contenuto.


Catania 17 marzo 2018

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO