home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Catania, illuminate tre fontane nonostante il sabotaggio

Lo sdegno del sindaco Bianco: «Non ci fermeranno»

Catania - Subito dopo il tramonto, il sindaco di Catania Enzo Bianco e l'assessore al Decoro urbano Salvo Di Salvo, dal Largo Paisiello, hanno «illuminato» contemporaneamente tre fontane di Catania nonostante due di esse fossero state sabotate poche ore prima. Nello stesso Largo Paisiello, infatti, è stata smontata una lampada e tagliato un filo creando un corto circuito, mentre nella fontana della villetta Pacini è stato staccato l'interruttore di comando generale.

«Se qualcuno pensa – ha detto il sindaco Bianco – di poter bloccare il processo di riqualificazione urbana che abbiamo avviato, sbaglia. Siamo riusciti in ogni caso a riconsegnare, più belle di prima grazie all'impianto di illuminazione a luci colorate, tre importanti fontane alla città. Abbiamo denunciato l'accaduto alle forze dell'ordine affinché perseguano chi ha commesso questi atti inqualificabili». Le tre fontane erano state riattivate nelle ultime settimane con la sistemazione dell'impianto idraulico al quale è stato accoppiato un sistema di illuminazione.

GUARDA IL VIDEO

Sono stati istallati dei fari a led Ip 68 Rgb 24 w con un sistema di controllo in grado di interagire sulla variazione dei colori e della luminosità. L'impianto di illuminazione è in alternanza da tre a sette colori con possibilità di regolazione temporizzata e il sistema di controllo dispone di venti funzioni di programmazione.

Foto di Davide Anastasi

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 2
  • mongibel

    21 Maggio 2017 - 13:01

    Può essere utile installare delle telecamere. Se già presenti, aumentarne il numero.

    Rispondi

  • Renata de Simone

    21 Maggio 2017 - 15:03

    Purtroppo, malgrado la buona volontá del sindaco e di molti cittadini, Catania é una città abitata da un numero smisurato di teppisti. Poche sere fa ammiravo il monumento dei caduti recentemente ripulito dallo scempio che subiva da anni. Un gruppo di giovani teppisti "armati" di bici, pattini e anche con le sole scarpe sportive, si arrampicava e veniva giú a tutta velocitá dal muro, lasciando evidenti segni sulle pareti appena ripulite. A meno di cento metri una volante della polizia assisteva senza intervenire. Che non se ne siano accorti? Mi sembra strano, visto che tutti i passanti abbiamo detto ai ragazzi di non farlo. Parole al vento....Mi vergogno sempre piú di vivere in questa cittá, di mostrare la quantitá smisurata di spazzatura abbandonata in strada dopo il ritiro dei cassonetti...

    Rispondi

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa