WHATSAPP: 349 88 18 870

Aci Catena, così si spartirono 15 mila euro

Avrebbero ricevuto una tangente di 15mila euro dall’imprenditore Giovanni Cerami per il rinnovo del contratto di fornitura del servizio di assistenza e manutenzione dei sistemi software e hardware del Comune di Aci Catena e l'aggiudicazione del progetto esecutivo 'Home Carè finanziato dall’Unione Europea con 252.000 euro. E’ l’accusa che la Procura di Catania contesta al sindaco Ascenzio Maesano e al consigliere comunale Orazio Barbagallo.
Cerami, dal 2004 direttore generale della Halley consulting S.p.A., era stato dal 2001 fino al febbraio 2003, amministratore unico della Halley srl,oggi Etno data informatica e servizi srl.
I soldi, secondo la ricostruzione delle indagini della Dia, sarebbero stati 'incassatì da Barbagallo che avrebbe poi diviso a metà la tangente col sindaco. Secondo la Procura di Catania, diretta da Carmelo Zuccaro, la 'dazionè sarebbe stata "l'ennesimo pagamento effettuato da Cerami a favore dei due funzionari pubblici».
Da tempo la Dia di Catania, diretta dal capocentro Renato Panvino, aveva avviato indagini sul sindaco. E il 4 giugno scorso gli investigatori hanno intercettato una telefonata con Barbagallo durante la quale i due, usando un linguaggio criptico, avrebbero concordato di vedersi di lì a poco. L'incontro sarebbe avvenuto in un’area di campagna lontano da "occhi indiscreti», dove si sarebbero divisi i 15mila euro. Nonostante le cautele adottate i due sono stati intercettati dalla Dia. L’indagine ha offerto ulteriori elementi di interesse investigativo tutt'ora al vaglio della Procura di Catania.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa