WHATSAPP: 349 88 18 870

Sicurezza alimentare: denunciato il titolare di un bar a Catania

I funzionari dell'Asp avrebbero riscontrato irregolarità per quanto riguarda le condizioni igienico sanitarie e nell'utilizzo di alimenti surgelati

Ancora controlli da parte del personale del Commissariato Borgo Ognina a tutela della salute dei consumatori. Questa volta è toccato al bar “Aldo Moro”, a pochi passi dal Commissariato Borgo.

Nell’occorso, il personale ha ispezionato i luoghi di detta attività soffermandosi, in particolare, negli spazi riservati alla conservazione e preparazione degli alimenti, quindi all’interno del laboratorio.Sin da subito, sono emerse irregolarità per ciò che riguarda le condizioni igienico sanitarie, rilevate dai Funzionari dell’ ASP Veterinari di Catania che procederanno per le relative contestazioni.

E i medesimi funzionari dell’ASP hanno altresì verificato la presenza di cibi congelati: i predetti alimenti sono stati sequestrati penalmente, poiché il responsabile dell’attività non ha esibito alcun documento teso a evidenziare che i prodotti fossero surgelati in luogo di freschi. La mancanza dell’indicazione dell’utilizzo degli alimenti surgelati in luogo di quelli freschi ha dato origine alla denuncia del titolare all’A.G. per il reato di cui all’art. 515 c.p. (frode nell’esercizio del commercio).

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 1
  • antonio

    05 Settembre 2016 - 17:05

    Sarò breve.Io credo che qualche buon politico assieme alle procure della repubblica ,alle varie associazioni di categorie ed alle stesse ASP" dovrebbero chiarire una volta e per tutto , quali sono i "reati veri" da perseguire e quelli cosi detti " inventati. Se un ristoratore acquista prodotti surgelati e li spaccia per freschi questo è considerato un reato vero. Se un ristoratore compra prodotti freschi per la preparazione di semilavorati (esempio salse) e li congela con apposito abbattitore , questo NON può essere considerato un reato per frode in commercio. C'è da dire , altresi che dal punto di vista igienico sanitario conservare un prodotto a meno 18/20 °C , è molto più sicuro che conservarlo in un frigo a 4°C- Questo non lo afferma la scienza .Si accetta contraddittorio.

    Rispondi

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP