home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Elisa "strega il suo pubblico"

Per assistere all’ultimo concerto in Italia di “On tour” sono giunti ad Acireale non solo da tutta la Sicilia ma anche dalla Calabria, Roma e Napoli, da Malta e perfino dalla Germania

Acireale - Per assistere all’ultimo concerto in Italia di “On tour” sono giunti ad Acireale non solo da tutta la Sicilia ma anche dalla Calabria, da Roma e Napoli, da Malta e persino, come nel caso di Cinzia, dalla Germania.
Migliaia di fan in estasi per Elisa Toffoli, meglio nota solo con il nome di battesimo, protagonista di un’esibizione applauditissima, nell’ambito dell’evento curato da Giuseppe Rapisarda Management, durante il quale è stato tributato un omaggio anche alla piccola Ginevra, nata qualche giorno fa.


Concerto di esordio per Cristina Calvagna, a capo di una pattuglia di fan che ha intonato tutte le canzoni in scaletta, a cominciare da “Bad habits” che ha dato il via alle danze, dopo l’apertura affidata a Roberta Finocchiaro, blues girl catanese. «Nel corso degli anni - dice - ho imparato ad apprezzare Elisa, i cui testi inducono ad una riflessione. Tra quelli più recenti, mi piacciono molto “Lo me forever” e “No hero”, entrambi dell’ultimo album». E Cristina verrà accontentata, anche perché nel corso del concerto l’artista triestina proporrà non solo i successi del passato, ma anche tutte le 13 tracce presenti all’interno di “On”, il suo lavoro discografico più recente. Il cui contenuto è conosciuto a menadito dalla siracusana Silvia De Nizza, che di Elisa non apprezza solo testi e musiche.

«Oltre ad essere una cantautrice completa - osserva - è straordinaria anche sotto il profilo umano. Poi, sul piano artistico, basta ascoltare brani come “Eppure sentire” per rendersi conto della sua profondità. Per ammirarla mi sono tenuta questa serata libera con largo anticipo e sono certa che ne varrà la pena». In prima fila l’acese Salvo Raciti, che segue Elisa sin dagli esordi. «Quando la vidi all’opera per la prima volta - afferma - notai molte analogie con Alanis Morissette, ma ci mise poco a distinguersi per uno stile tutto suo, che le ha fruttato riconoscimenti di ogni tipo, al punto da farsi apprezzare da personaggi del calibro di Quentin Tarantino e di Ennio Morricone».

Foto di Fabio Consoli

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO