home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Palermo, presepe ambientato tra le macerie di Amatrice

E' stato realizzato in una tenda donata dalla Protezione Civile, all’interno della Chiesa di Sant’Ignazio Martire all’Olivella

Palermo - «Un presepe fra le macerie di Amatrice, sotto una tenda di terremotati, collega la nostra Chiesa a quelle comunità per riaccendere i riflettori che si stanno spegnendo sulla terribile condizione dei nostri fratelli colpiti dal sisma dell’Italia centrale e per testimoniare che soprattutto a Natale Dio non abbandona chi ha perso la casa, la Chiesa, il luogo di lavoro». Così padre Adriano Castagna, preposito della Congregazione dell’Oratorio di San Filippo Neri di Palermo, in spirituale comunione con il parroco di Sant’Agostino in Amatrice, Savino D’Amelio, ha inaugurato ieri sera “Ecco la tenda di Dio fra gli uomini”, opera realizzata all’interno della Chiesa di Sant’Ignazio Martire all’Olivella a Palermo.

Sulle note del tocco del “Silenzio” d’ordinanza intonate dalla tromba dei maestri del coro in memoria delle vittime, si è aperta la porta della tenda donata dal Dipartimento regionale della Protezione civile, mostrando ai fedeli il presepe allestito dai volontari, dai chierici e dai ragazzi dell’Oratorio di San Filippo Neri.

Non oro, incenso e mirra, ma ai piedi della mangiatoia in cui nascerà Gesù bambino, tra i simboli delle macerie e della distruzione di Amatrice, sotto la celebre frase del Beato Pino Puglisi “E se ognuno fa qualcosa…”, una lunga teoria di soccorritori palermitani ha deposto in omaggio i simboli degli interventi effettuati nelle zone del “cratere”: i vigili del fuoco i loro caschi, il Comune di Palermo il gonfalone e i caschi dei vigili urbani, il dipartimento regionale di Protezione civile il gagliardetto, i carabinieri il fregio con la fiamma, numerose associazioni di volontariato (dai vigili del fuoco in congedo ai carabinieri in congedo fino ai Cavalieri templari federiciani) alcune immagini di salvataggi.

Toccanti i pensieri dei soccorritori al Bambin Gesù: “Non ci sorprende – hanno scritto – ciò che riusciamo a fare nonostante tutto, ma vedere gli altri felici per ciò che facciamo per loro”. Numerose le testimonianze, come quella di Valerio Amato che nella zona di Amatrice ha fatto il soccorritore e il magazziniere e che nella chiesa dell’Olivella ha montato la tenda con un gruppo di colleghi.

Numerose le autorità presenti: il luogotenente Giuseppe Messina, comandante dei Carabinieri di piazza Marina; Ottavio Zacco delegato del sindaco Leoluca Orlando; Totò Orlando, presidente del Consiglio comunale; Paola Miceli, presidente del Consiglio di circoscrizione, e tutti i consiglieri della Prima circoscrizione.

Partendo dalla domanda “Signore, e ora che si fa?”, posta da mons. Giovanni D’Ercole, vescovo di Ascoli Piceno, ai funerali del 27 agosto scorso, fino al principio “E se ognuno fa qualcosa” del Beato Pino Puglisi, i giovani dell’Oratorio di San Filippo Neri hanno spiegato il senso della loro iniziativa. E Maria Teresa D’Esposito, dirigente del servizio Volontariato, formazione e comunicazione del Dipartimento regionale di Protezione civile, nell’aderire con entusiasmo al presepe dell’Olivella perché “coerente con i nostri valori”, ha ricordato non solo i primi interventi di soccorso fatti dai volontari siciliani, ma anche “la squadra di tecnici che sta partendo dall’Isola per contribuire al censimento degli edifici danneggiati”.

Il presepe è visitabile tutti i giorni dalle 7 alle 11 e dalle 16,45 alle 18.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO