WHATSAPP: 349 88 18 870

L'assessore Barbagallo contro i gestori degli scali: «Finora poco incisivi»

Ancora al palo i 20mln per la continuità territoriale. «Serviranno per i bandi su tratte sociali»

L'assessore Barbagallo contro i gestori degli scali: «Finora poco incisivi»

Palermo. Denuncia «l’ostruzionismo da parte di grosse lobby» e tira le orecchie ai gestori pubblici degli aeroporti siciliani, rei di «interventi finora poco incisivi». Per l’assessore regionale al Turismo, Anthony Barbagallo, il caro tariffe «non è dovuto solo dal libero mercato». C’è di più. Allo stesso tempo però, l’esponente della Giunta Crocetta non nasconde gli insuccessi collezionati dalla politica nella battaglia per calmierare i prezzi delle compagnie aeree.

 

La “madre” di tutte le battaglie è quella sul finanziamento della continuità territoriale: in ballo ci sono 20 milioni che però il governo nazionale non ha ancora “sganciato”. La continuità territoriale è un diritto per i siciliani che, in materia di trasporti, devono fare i conti con le difficoltà dovute all'insularità e per di più sono vessati da tariffe aeree sempre più alte. Che non trovano corrispondenza in altre parti d’Italia e sono addirittura più basse rispetto a chi si muove dalle principali capitali europe

 

«Chi viene da fuori - sottolinea Barbagallo - riesce a spuntare tariffe più vantaggiose perché c’è una grossa domanda per mete turistiche come la Sicilia e quindi le compagnie aeree vendono più voli. Il che è un bene per il nostro turismo».

 

L’altra faccia della medaglia invece riguarda direttamente i siciliani che devono raggiungere il “continente”. Finora non si è riusciti, attraverso la continuità territoriale, a frenare i prezzi. Anche i predecessori di Barbagallo hanno tentato intese e accordi vari - il governatore Crocetta ha fatto persino pressing sul premier Renzi - ma senza esito. «Un problema antico - prosegue l’assessore al Turismo - qualcosa ora si sta muovendo. Lo scorso mese si è tenuta una conferenza di servizi: la Sicilia dovrebbe avere da Roma 20 milioni per l’abbattimento del costo dei biglietti aerei, sia per chi risiede nelle isole minori sia per scopi sociali. Una volta incassati i fondi si dovranno mettere a bando le tratte, che andranno al miglior offerente. Pensiamo ad esempio alla Comiso-Milano e alla Trapani-Roma».

 

In passato con le compagnie, ad esempio l’Alitalia, la Regione ha fatto degli accordi di co-marketing: sponsorizzazioni in cambio di prezzi più vantaggiosi per i siciliani. Oggi non basterebbe. «Nel settore c’è un assetto immobilizzato» conclude Barbagallo, lanciando la stoccata finale: «Mi domando cosa abbiano fatto finora le società pubbliche di gestione dei nostri scali. Sono loro in primis che dovrebbero battere i pugni con le compagnie aeree».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa