home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Cassazione conferma condanna ad ex deputato dell'Ars Lo Giudice

L'ex sindaco di Canicattì e tre volte assessore regionale, oggi 78enne, nel 2013 eluse sorveglianza speciale dopo la scarcerazione: per questo gli sono stati inflitti otto mesi

Cassazione conferma condanna ad ex deputato dell'Ars Lo Giudice

CANICATTI' - La Cassazione ha confermato la condanna a 8 mesi di reclusione, per violazione degli obblighi della sorveglianza speciale, a Vincenzo Lo Giudice, già due volte sindaco di Canicattì (Agrigento), tre volte assessore regionale in giunte di centrodestra e centrosinistra e parlamentare dell’Assemblea regionale siciliana. La sentenza di condanna conferma il pronunciamento dei giudici di primo e secondo grado.

Lo Giudice, 78 anni, era stato segnalato dal comandante della Guardia di Finanza di Canicattì dopo aver tentato di seguire nell'estate 2013, poche settimane dopo la sua scarcerazione, il consiglio comunale straordinario, aperto al pubblico, per festeggiare il secolo di vita dell’allora ex arciprete Vincenzo Restivo. La sua presenza, in un’aula affollata di cittadini tra cui anche pregiudicati e condannati nel'’inchiesta «Alta mafia», non passò inosservata alle forze dell’ordine che inviarono un’informativa all’autorità giudiziaria. Lo Giudice era stato condannato a oltre 10 anni di carcere proprio nel processo «Alta mafia» perché ritenuto di «aver strumentalizzato a proprio vantaggio le famiglie mafiose della zona» con cui era sceso a patti.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO