WHATSAPP: 349 88 18 870

La sagrestia della parrocchia Santa Teresina del Bambino Gesù devastata da un incendio

I vigili del fuoco sono interveniti in via Cicerone ad Agrigento evitando danni ulteriori alla struttura

La sagrestia della parrocchia Santa Teresina del Bambino Gesù devastata da un incendio

Agrigento - Un corto circuito al quadro elettrico sembrerebbe essere la causa dell’incendio, che ha devastato la sagrestia della piccola chiesetta di "Santa Teresina del Bambino Gesù", in via Cicerone, ad Agrigento. Nessun elemento infatti porta a ipotizzare la natura dolosa. Il tempestivo intervento dei Vigili del fuoco del Comando provinciale di Agrigento, avvertiti dai residenti messi in allarme dal fumo, è riuscito a circoscrivere le fiamme ed evitare, che si propagassero all’intero edificio di culto aggravando ulteriormente la situazione.

Le fiamme hanno bruciato l'arredamento della sagrestia: mobili, una scrivania, diverse sedie, una porta e oggetti vari. Completamente carbonizzati decine di libri collocati sopra ad alcune mensole in legno. Danneggiato anche l'impianto elettrico della chiesa, oltre ai danni da fumo, con le pareti annerite. I momenti di panico poco dopo le 5 di ieri. Alcuni abitanti hanno sentito nell'aria un forte odore di bruciato. Si sono affacciati ai balconi, ed hanno notato dal vicolo attiguo alla parrocchia, uscire delle colonne di fumo, che hanno fatto temere per alcuni interminabili minuti il peggio. Immediata è scattata la segnalazione al centralino dei Vigili del fuoco con la richiesta di fare presto. I soccorritori arrivati rapidamente sul posto, hanno dovuto lavorare più di un'ora prima di avere ragioni delle fiamme e mettere la struttura in sicurezza. Le operazioni di spegnimento si sono svolte sotto gli occhi di don Giuseppe Giammusso, parroco della chiesa. Fortunatamente le fiamme non hanno interessato la chiesa e ciò grazie soprattutto alla prontezza e alla velocità dei soccorsi.

Sul posto anche i carabinieri. Nel corso degli accertamenti non sono state trovate segni di scasso a porte e finestre, né tanto meno tracce di inneschi o liquidi infiammabili. Da qui è scaturita la certezza del fatto accidentale. La comunità parrocchiale al gran completo si è subita messa in moto per mitigare i danni provocati dall’incendio, e sono iniziate le opere per ripulire i locali in modo da renderli agibili ai fedeli per le funzioni religiose. Ieri mattina don Giuseppe Giammusso era al suo solito posto a celebrare la Santa Messa.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa