WHATSAPP: 349 88 18 870

Agrigento, Arnone esce dal carcere e si scaglia contro i magistrati: "Ignoranti"

Il legale scarcerato ieri dopo l’arresto per estorsione accusa il giudice che firmò l’ordinanza

Agrigento, sorpreso mentre intascava mazzetta, arrestato l'avvocato Giuseppe Arnone


Palermo, 30 nov. (AdnKronos) - "Il gip Francesco Provenzano che ha firmato il mio arresto non sa che cosa è la transazione. Lo Stato italiano non può pagare gente come Provenzano, che ignora l’istituto civilistico della transazione. I fatti sono due: o lo ignora, e va mandato a casa, o non lo ignora ed è in malafede. Non si può mandare una persona in galera perché si è ignoranti". Lo ha detto l’avvocato Giuseppe Arnone, incontrando stasera la stampa ad Agrigento, dopo la scarcerazione decisa dal Tribunale del Riesame di Palermo, Arnone era stato arrestato lo scorso 12 novembre in flagranza di reato con l'accusa di estorsione. "Se all’esame di diritto privato si risponde al docente quello che ha scritto Provenzano nell’ordinanza cautelare cioè che non è possibile fare una transazione se non vi è un credito strutturato, si viene mandati via dall’esame a brutte parole", dice ancora Arnone.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa