home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Ecco la foto che testimonia la presenza a Lampedusa del terrorista di Berlino

Scattata il 3 aprile del 2011 durante la rivolta che culminò con l'incendio della Casa Fraternità della parrocchia: c'è anche Anis Amri

Ecco la foto che testimonia la presenza a Lampedusa del terrorista di Berlino

Nel cerchio rosso Anis Amri

CATANIA - Ecco la foto dell’Ansa scattata il 3 aprile 2011 e che documenta la presenza di Anis Amri tra i minori che appiccarono l'incendio alla Casa Fraternità della parrocchia a Lampedusa. Arrivato nel febbraio del 2011 a Lampedusa a bordo di uno dei tanti barconi salpati dall’Africa, Amri avrebbe avuto un ruolo di primo piano nell’incendio doloso appiccato al cpa dell’isola, manifestando sin da subito quel carattere violento che traspare da tutti i resoconti sul terrorista attualmente ricercato in tutta Europa. Nella foto, Amri è seduto a terra vicino ad altri giovani controllato dalle forze dell’ordine poco dopo l’intervento dei vigili del fuoco che avevano spento l’incendio. I ragazzi avevano anche rotto porte e vetri e qualcuno si era ferito. I giovani del centro, una quarantina, avevano dato vita alla rivolta perché chiedevano di partire immediatamente.

 

 

Qualche tempo dopo Anis Amri lascia Lampedusa e ricompare davanti alle autorità italiane il 23 ottobre del 2011 quando viene arrestato mentre si trovava nel centro d’accoglienza di Catania per danneggiamento, lesioni, minacce e appropriazione indebita e successivamente condannato a 4 anni di reclusione. Inizia allora il suo tour carcerario in Sicilia: Catania, Sciacca, Enna, Agrigento, Palermo dove si rende protagonista di gesti violenti e colleziona punizioni e giorni di isolamento.

 

Nel 2015 esce di prigione per espiazione pena e viene consegnato alla polizia e portato nel centro di Piano del Lago, a Caltanissetta, per la successiva espulsione dal territorio italiano. Qualcosa nelle procedure delle autorità tunisine per il riconoscimento, necessarie al rimpatrio, non va per il verso giusto e l’Italia deve lasciarlo andare.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO