home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

LegaPro, per l'Akragas una vittoria col Matera che vale oro

Segna su rigore Cocuzza ma finalmente i biancazzurri sono sembrati più propositivi rispetto alle ultime uscite. Gli agrigentini tornano in corsa per la salvezza diretta

LegaPro, per l'Akragas una vittoria col Matera che vale ora

L’Akragas che non t’aspetti batte il Matera e torna prepotentemente in corsa per la salvezza diretta. Una partita finalmente giocata a viso aperto per almeno 80 minuti con i biancazzurri che hanno ottenuto un successo che vale ora.

La cronaca: all’11 la prima occasione della partita non sfruttata dall’Akragas: il pallone arriva a Longo, che però non si accorge che il suo marcatore incespica e cade e lui affretta il tiro che Tozzo para senza fatica. Il Matera fa la partita ma non brilla, l’Akragas aspetta ma non si arrocca e prova a pungere nella metà campo lucana. Il Matera è pericoloso solo nei tiri dalla bandierina col pallone che spiove nell’area piccola, ma Pane non deve mai fare parate clamorose. Sta di fatto che la seconda occasione da rete è sempre per l’Akragas e arriva allo scadere del tempo quando Mattera buca l’intervento e Cocuzza che, un po’ sorpreso, si ritrova all’altezza del dischetto libero di calciare a rete, ma il tiro risulta piuttosto debole e Tozzo non ha difficoltà.

Nella ripresa subito brivido nell’area biancazzurra: un rimpallo premia Negro, ma il pallone sfiora il palo e finisce sul fondo. La risposta dell’Akragas arriva al 9’ quando Palmiero tira da fuori area ma il pallone finisce a due metri dal palo. Passa un minuto e Klaric arriva davanti a Tozzo: il tiro è forte ma centrale e il portiere del Matera respinge. L’Akragas alla fine riesce pure a segnare perché la difesa del Matera non è in forma e Cocuzza approfitta di un errore e arriva da solo davanti a Tozzo che lo stende. E’ rigore e lo stesso Cocuzza trasforma.

Il Matera spinge per cercare il pareggio ma è l’Akragas che ha il torto di non sfruttare un paio di contropiede. Negro per esempio spaventa ancora Pane con un tiro che fa la barba al palo. Auteri trasforma la sua squadra che diventa iper offensiva e è Sartore che approfitta di una dormita generale della difesa agrigentina ma incredibilmente spara alto da pochi passi. Anche Di Napoli corre ai ripari e blinda la difesa mettendo dentro Russo e rinunciando alla fisicità di Klaric. Infatti l'Akragas soffre ma tiene la porta inviolata.

IL TABELLINO

Akragas: Pane, Mileto, Riggio, Thiago, Coppola, Palmiero, Bramati, Cocuzza (dal 69’ Salvemini), Sepe, Longo, Klaric (dal 77’ Russo). All.: Di Napoli. A disp.: Addario, Leveque, Caternicchia, Privitera, Petrucci, Rotulo, Tardo, Sarcuto.

Matera: Tozzo, Scognamillo, Mattera, De Rose, Strambelli (dal 77’ Carretta), Di Lorenzo, Salandria, Casoli, Negro, Gigli (dal 71’ Sartore), Lanini (dal 72’ Moudoumbou). All.: Auteri. A disp.: D’Egidio, De Franco, Bertoncini, Armeno, Meola, Dammacco, Biscarini.

Arbitro: Marchetti di Ostia Lido (Benedettino di Bologna e Colizzi di Albano Laziale)

Reti: Cocuzza su rigore al 56’;

Note: angoli 1 a 9. Ammoniti: Salvemini (A).

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa