home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

LegaPro, pari prezioso dell'Akragas a Melfi

La squadra biancazzurra controlla abbastanza agevolmente i lucani ma ha forse il torto di non osare di più accontentandosi dello 0 a 0

LegaPro, pari prezioso dell'Akragas a Melfi

Buon pari dell’Akragas a Melfi che permettere di mantenere inalterate le distanze dai lucani e di guardare al futuro ancora con fiducia per una salvezza diretta possibile.

Partita equilibrata, con il Melfi che soprattutto all’inizio è pericoloso solo con Gammone, ma sempre e solo sugli sviluppi di leggerezze difensive agrigentine. All’11 c’è una clamorosa occasione per il Melfi: Gammone si presenta solo davanti a Pane, su erroraccio di Riggio che gli regala il pallone, ma si fa ipnotizzare dal portiere biancazzurro. L’Akragas però sembra avere abbandonato la “tattica” dell’aspettare l’avversario davanti la propria aerea di rigore e non soffre particolarmente le folate del Melfi, soprattutto perché dalla mezz’ora in poi la difesa agrigentina prende le misure su Gammone. E infatti allo scadere c’è anche un brivido per il Melfi perché De Vena devia un pallone che spiove in area e il pallone sfiora il palo.

Nella ripresa il Melfi spinge di più e coglie una traversa con De Giosa con una bellissima rovesciata. Il Melfi deve vincere e Diana cambia tutto sbilanciandosi con il bomber De Angelis dentro Marano e schema sul 4 2 3 1. E Di Napoli corregge l’Akragas passando con la difesa a 4 e un 4 4 2 con Longo più arretrato. Ma De Angelis, che all’Akragas segna quasi sempre, si dimostra lo stesso pericoloso: all’88 in tuo tiro da fuori area sfiora il palo con Pane fuori causa. Il Melfi nel finale prova il tutto per tutto perché il pari non serve e l’Akragas arretra e prova il contropiede. Ma i biancazzurri hanno forse il torto di non osare di più e di accontentarsi dello 0 a 0 che resta comunque un risultato prezioso. Ma non succede più nulla perché le squadre sono stanche e la fatica rende difficili anche i passaggi, sulla carta, più semplici.

Tabellino

MELFI: Gragnaniello, Bruno, Laezza, De Giosa, Lodesani, Esposito, De Vena (dall’83 Pandolfi), Romeo, Gammone (dall’86’ De Montis), Marano (dal 68’ De Angelis), Vicente. All. Aimo Diana. A disp.: Viola, Grea, Filomeno, Libutti, Battaglia, Ferraro, Obeng, Gava.

AKRAGAs: Pane, Mileto, Riggio, Cazè, Coppola (dal 77’ Russo), Bramati (dal 46’ Pezzella), Palmiero, Sepe, Longo, Cocuzza (dall’80’ Leveque), Salvemini. All.: Raffaele Di Napoli. A disp.: Addario, Caternicchia, Tardo, Rotulo, Petrucci, Minacori, Sarcuto.

Arbitro: Paolini di Ascoli.

Note: angoli 1 a 6. Ammoniti: Sepe, Palmiero, Salvemini (A) De Giosa (M)

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa