home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Licata, sfonda porta del condominio della ex e la minaccia di morte

Angelo Marco Sortino, che è stato arrestato dai carabinieri, era indagato per l'incendio della casa del sindaco di Licata

LICATA (AGRIGENTO) - Non riusciva a rassegnarsi alla fine della relazione con l’ex fidanzata e dopo averla perseguitata per circa due mesi il 33enne Angelo Marco Sortino di Licata (Ag) ha sfondato la porta di ingresso del condominio dove vive la giovane e il portone dell’appartamento e brandendo un coltello da cucina ha minacciato di morte la ventunenne.


I carabinieri, avvisati telefonicamente, sono subito intervenuti ed hanno rintracciato l’uomo che, nel frattempo, si era allontanato. Angelo Marco Sortino è stato trovato vicino alla sua abitazione ed è stato arrestato. Al momento gli sono contestati i reati di tentato omicidio, atti persecutori, violazione di domicilio aggravata e danneggiamento. Del fascicolo di inchiesta subito aperto si sta occupando il sostituto procuratore di Agrigento Matteo Delpini. Sortino fu arrestato per aver incendiato, nel maggio dello scorso anno, la casa del sindaco di Licata Angelo Cambiano. Per effetto della misura cautelare, era infatti ancora sottoposto all’obbligo di dimora ed alle ore 21 doveva rientrare a casa. 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO