home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Canicattì, omicidio di Marco Vinci, Lodato resta in carcere

L'indagato davanti il gip si è difeso: "Sono stato aggredito"

L'omicidio di Marco Vinci, Lodato resta in carcere

Il Gip di Agrigento Stefano Zammuto ha convalidato l’arresto ed ha disposto la custodia cautelare in carcere per Daniele Lodato, il trentaquattrenne accusato d’aver ucciso nella notte fra sabato e domenica scorsa a Canicattì Marco Vinci, di 22 anni, perché ha provato a difendere un’insegnante di 38 anni che sarebbe stata importunata.

L’indagato, difeso dall’avvocato Luisa Di Fede, durante l’interrogatorio ha negato la ricostruzione dei fatti. «Sono stato aggredito. Per questo avevo l'arma», ha detto al giudice. Ad avvalorare la premeditazione, secondo la tesi della Procura, invece, sarebbe il coltello di 25 centimetri con cui l’uomo avrebbe trafitto per due volte il torace di Marco Vinci.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO