home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Il tour

Gabbani: «Sono sempre Francesco»

Concerti a Palermo e Zafferana, ospitata a Milo con Battiato e ritorno a settembre a San Vito per il vincitore di Sanremo

Il successo travolgente degli ultimi due anni (due vittorie a Sanremo come giovane e big) e il boom di "Occidentali’s Karma"  hanno cambiato solo l’agenda ma non l’essenza del cantautore toscano: «Mi manca la bici ma la ritroverò a tour finito». Il 28 luglio sarà live al Verdura di Palermo, il 29 luglio all’Anfiteatro di Zafferana Etnea, il 31 luglio sarà ospite di Battiato a Milo, e il 22 settembre tornerà per il Cous Cous Fest di San Vito Lo Capo

Francesco Gabbani

Francesco Gabbani

Il bis a Sanremo, con due vittorie consecutive, da “giovane” con Amen e da “big” con la super hit Occidentali’s Karma (più di 146 milioni di visualizzazioni su Youtube), il premio della stampa all’Eurovision Song Contest 2017 di Kiev, piazze e anfiteatri strapieni sin dall’avvio del nuovo tour estivo, quello successivo all’uscita del suo terzo album in studio, intitolato Magellano. Per Francesco Gabbani, cantautore e polistrumentista originario di Carrara, il successo è arrivato relativamente tardi (a settembre compirà 35 anni) e tutto in un colpo. Ma non in maniera casuale. Per lui tanta gavetta nel corso degli anni e nessuna scorciatoia.
«Rifarei tutto quanto», ci racconta a pochi giorni dal suo ritorno in Sicilia per le date del tour a Palermo e Zafferana Etnea. «Il poter vivere facendo musica e scrivendo canzoni - continua - rappresenta la gratificazione data dalla consapevolezza che tutto quello che ho fatto nel mio percorso fino ad oggi ha un valore. La mia soddisfazione viene dal fatto che sono riuscito a fare della mia musica il mio mestiere e oggi mi sento più legittimato a farlo anche per chi ha sempre creduto in me».
Sanremo, si sa, può essere una pericolosa arma a doppio taglio per gli artisti. Ma Francesco Gabbani sembra avere le idee molto chiare su come evitare che ciò accada. «Non sono solo Sanremo ma sono un disco che si intitola Magellano, che mi rappresenta molto e che sono felice di poter portare, dal vivo, in Sicilia».

Francesco Gabbani

Francesco Gabbani

Due concerti, il 28 luglio al Teatro di Verdura di Palermo, e il giorno successivo all’Anfiteatro Falcone e Borsellino di Zafferana Etnea, nell’ambito della rassegna Etna in Scena. Poi, il 31 luglio a Milo sarà tra gli ospiti di Luce del Sud, la rassegna organizzata da Franco Battiato e il 22 settembre tornerà nuovamente in Sicilia, in piazza Santuario, a San Vito Lo Capo, per il Cous Cous Fest.
Palermo e Zafferana sono però gli appuntamenti già attesi dai fan, perché fanno parte del tour estivo di presentazione del nuovo disco. «Sarà uno spettacolo senza troppi effetti speciali - anticipa Gabbani - e all’insegna della spontaneità. Sul palco porto tutto me stesso e sono accompagnato da una band composta da quattro elementi». Che saranno: il fratello Filippo Gabbani alla batteria (co-autore di Occidentali’s Karma), Lorenzo Bertelloni alle tastiere, Giacomo Spagnoli al basso, e Davide Cipollini alla chitarra. Poche le anticipazioni sulla scaletta dello spettacoli. «Ci saranno brani tratti da Magellano e da Eternamente ora, qualcosa del passato ed omaggi ad artisti ai quali sono legato».

Ma c’è ricordo o un aneddoto che lega Gabbani alla Sicilia? «Lo scorso anno - risponde - sono venuto nella vostra Isola per partecipare ad uno show televisivo. La sera, mentre ero in hotel, sono uscito a prendere un po' d’aria e ho visto un pallino rosso in lontananza. Quando ho capito che era l’Etna che eruttava, mi sono davvero emozionato».
Amen, il primo grande successo del cantautore toscano, l’ha cantato persino il Vescovo di Noto, monsignor Antonio Staglianò. Durante un incontro ha imbracciato la chitarra e intonato il brano rivolgendosi ai giovani: un modo per parlare il loro linguaggio e avvicinarli alla Chiesa. «Mi ha fatto piacere sapere che Monsignor Staglianò abbia cantato Amen. Penso sia molto intelligente usare la musica e le canzoni per arrivare alle nuove generazioni». Da un tormentone all’altro, Occidentali’s Karma ha avuto un successo ancora maggiore di Amen. Merito anche dell’intelligente gioco di citazioni contenute nel testo. Come quella sulla scimmia nuda di Desmond Morris. «Ho avuto l'incredibile privilegio di incontrare Desmond Morris nella sua casa di Oxford. A parte la surreale circostanza, paragonabile forse a prendere un caffè con Eraclito, ho avuto la prova che la saggezza e la grandezza di un uomo sono direttamente proporzionali all'umiltà e la capacità di esprimere con semplicità concetti molto profondi. E’ uno di quei ricordi che rimarrà indelebile nella mia mente».

Uscito alla fine di aprile il nuovo album di Gabbani, Magellano, ha avuto un grande successo. Trainato non solo dal brano vincitore dell’ultimo Sanremo ma anche dal secondo singolo scelto, Tra le granite e le granate. Magellano è l’esploratore portoghese che si è spinto “oltre”, primo europeo a navigare nell'oceano Pacifico. Un omaggio che descrive efficacemente la voglia di sperimentare di Gabbani.
«Magellano rappresenta una figura significativa ed emblematica - spiega l’artista toscano -. In questo disco si parla del viaggio, inteso soprattutto come scoperta di se stessi. Magellano rappresenta il coraggio di andare alla scoperta dell’ignoto. E l’ignoto è soprattutto dentro di noi».

Ma quanto è cambiata la vita di Francesco Gabbani dopo il clamoroso successo degli ultimi due anni? «È cambiata ovviamente la mia quotidianità, i miei ritmi di vita, ma fortunatamente la percezione di me stesso resta la stessa, probabilmente perché mi sono sempre comportato naturalmente e non vivo il successo con il rischio di sdoppiamento della mia personalità».
A cosa, invece, ha dovuto rinunciare? «Mi manca il tempo per andare in bicicletta sulle mie amate Alpi Apuane, ma mi rifarò ad ottobre, quando avrò finito il tour».

gianlucasantisi@gmail.com

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa