home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Case da sgomberare in via Puccini, c'è la prima metà del finanziamento

Dalla Regione arriva il provvedimento che stanzia 1,8 milioni dei 3,6 previsti

Case da sgomberare in via Puccini, c'è la prima metà del finanziamento

CALTANISSETTA - E’ (finalmente) arrivato a Caltanissetta il provvedimento amministrativo che – tramite la Cassa Depositi e Prestiti che gestisce i fondi ex Gescal – destina all’Istituto autonomo per le case popolari la somma di un milione 814 mila euro da utilizzare per risolvere la problematica delle cinque palazzine di via Puccini a rischio crollo: si tratta di metà dei 3.600.000 euro che il Governo regionale ha messo a disposizione dell’Iacp nisseno per trovare una sistemazione alle 64 famiglie che hanno ricevuto l’ordinanza di sgombero e che devono abbandonare l’alloggio sinora occupato nel quartiere Santa Petronilla. Un provvedimento amministrativo (inviato dall’assessorato regionale delle Infrastrutture) che tranquillizza gli assegnatari coinvolti nella vicenda, i quali adesso hanno la certezza che – presto – potranno ottenere un altro alloggio in sostituzione di quello ottenuto 30 anni fa e da mesi dichiarato pericolante.

«Adesso lo possiamo ben dire – sottolineano negli uffici di via Luigi Rizzo il direttore Vincenzo Zafarana e il responsabile dell’area tecnica Antonio Mameli – che siamo in presenza di un fatto straordinario, perché ottenere questi soldi, averli già nella nostra cassa, significa avere la certezza di essere in grado di risolvere l’intera questione delle famiglie di via Puccini. E’ un evento quasi unico che va ascritto al merito di quanti hanno seguito la questione sin dall’inizio. Diciamolo francamente: quando è “scoppiata”’ questa grana c’era infatti la possibilità che le famiglie potevano essere costrette a lasciare l’alloggio senza avere la possibilità di ottenerne un altro, come del resto è avvenuto in altre circostanze simili. Per questo adesso siamo soddisfatti del lavoro compiuto. La somma rimanente assegnata dal Governo regionale potrà essere erogata nel mese di febbraio, cioè dopo che avremo rendicontato le spese che l’istituto sta sostenendo».

«Con i soldi che ci sono stati accreditati – hanno aggiunto i due dirigenti – nei prossimi giorni possiamo andare a fare l’atto di acquisto di trenta alloggi e destinarli così, prima possibile, alle famiglie interessate. Ogni alloggio verrà pagato ai proprietari che hanno partecipato al bando di compravendita effettuato dall’Iacp, sino ad un massimo di 56.378,70 euro. Già cinque di questi atti sono pronti, e riguardano due alloggi ubicati in centro storico e a Santa Barbara, e tre in via Luigi Rizzo che verranno assegnati ad altrettante famiglie che avevano riscattato l’alloggio da sgomberare».

Al momento in cui è emersa la necessità di liberare le palazzine di via Puccini la situazione dei 64 alloggi era la seguente: 27 erano stati riscattati dagli assegnatari che ne erano diventati i proprietari, e 35 erano in affitto; infine un alloggio era occupato abusivamente e l’altro era vuoto. Per quanto riguarda la sistemazione delle famiglie locatarie, già nove di queste hanno accettato di trasferirsi in alloggi di proprietà dello stesso Iacp.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO