WHATSAPP: 349 88 18 870

Caltanissetta: per 43 dipendenti comunali stabilizzazione attesa 28 anni

Assemblea: nuovo sollecito per il provvedimento legislativo

Caltanissetta: per 43 dipendenti comunali stabilizzazione attesa 28 anni

Chiedono l’immediata stabilizzazione i 43 precari del Comune di Caltanissetta, che ieri si sono riuniti a Palazzo del Carmine per sollecitare un provvedimento legislativo da parte della regione Siciliana o del Governo nazionale che ponga fine alla loro condizione di instabilità lavorativa.

Una situazione che perdura da quasi 28 anni, anche se i primi contratti con l’Amministrazione comunale nissena li hanno potuti firmare solamente nell’agosto del 2001. Da allora - pur ricoprendo ormai posti di responsabilità ed assolvendo a servizi municipali essenziali - vanno avanti di rinnovo in rinnovo dei loro contratti.

Inizialmente i precari al Comune di Caltanissetta erano in tutto un centinaio, ma una parte di essi sono stati nel tempo stabilizzati; ne rimangono - appunto - 43, 7 dei quali svolgono il servizio di vigili urbani, 5 appartengono alla categoria “D” e 21 espletano compiti pertinenti al titolo di studio di diplomati.

Ultimamente gli assessori Felice Dierna (che era presente all’assemblea di ieri) e Graziella Riggi si sono recati all’assessorato regionale alle Finanze per conoscere quale è la disponibilità economica destinata al Comune capoluogo per “sistemare” i precari, ma è stato risposto che «ancora non si sa niente» e che comunque la stabilizzazione potrà avvenire a scaglione ed in tre anni. A Caltanissetta quindi quindici alla volta.

Una soluzione questa che non soddisfa i precari (in provincia sono in tutto circa duecento), i quali dopo aver fatto rilevare che ormai all’interno del Comune svolgono compiti indispensabili che richiedono competenze specifiche. Hanno poi sottoscritto il documento documento proposto dalla presidente dell’assemblea Linda Leonardi, con il quale si dice “No” all’eventuale passaggio alla Resais e a qualsiasi altra soluzione che non tenga conto prioritariamente del rapporto di subordinazione attualmente esistenze con l’Amministrazione municipale nissena e “No” alla predisposizione dei piani triennali 2016-2018 del fabbisogno del personale da predisporre entro il prossimo 30 settembre.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa