WHATSAPP: 349 88 18 870

Appalto rifiuti Caltanissetta, il Comune "invita" 10 ditte

In ballo l'affidamento per 18 mesi del servizio

Il Comune di Torino ribadisce il suo no ai rifiuti dalla Sicilia

Rifiuti in discarica

CALTANISSETTA - Il Comune ha approvato il bando della gara ponte per l’affidamento di un anno prorogabile di 6 mesi del servizio di igiene urbana per “la raccolta, trasporto dei rifiuti solidi urbani, spazzamento e servizi di igiene ambientali dell’Aro nelle more dell’attuazione del piano di intervento”, ossia della gara per l’affidamento del servizio per 7 anni. Ha nel contempo confermato che la gara sarà assegnata “con procedura negoziata senza pubblicazione del bando di gara”.

In pratica il bando di gara, anche se di importo di oltre 10 milioni di euro e quindi piuttosto consistente, non seguirà l’iter normale della pubblicazione nella gazzetta della Comunità Europea con due mesi di tempo per la presentazione delle offerte, bensì l’iter abbreviato con l’invito diretto a partecipare ad almeno a 10 imprese “iscritte al “white list” delle prefetture siciliane aventi i requisiti di carattere generale”. Non è la prassi normale e nel provvedimento adottato il Comune sostiene di essere stata costretta a seguire questa strada per colpa della Srr che avrebbe dovuto effettuare la procedura di gara e non l’ha fatto con una perdita di tempo che porta ora alla procedura negoziata.

Sostiene infatti che “la Srr nell’arco di 3 mesi non si è attivata per l’avvio della procedura e pertanto i tempi di attuazione per l’affidamento da parte della Srr risultavano incompatibili con le esigenze dell’Ente posta la necessità, in ragione della scadenza del servizio al 30 settembre 2016, di avviare nel più breve tempo possibile una nuova procedura di affidamento agendo in autonomia e sganciandosi dalla Srr”. Il ricorso alla procedura negoziata senza pubblicazione di un bando di gara non è imputabile all’Amministrazione tenuto conto che aveva in tempo avviato con la Srr un percorso per giungere ad un appalto unitario dei servizi ma imprevedibilmente la Srr ai primi di agosto ha ritenuto di non potere portare avanti il procedimento amministrativo.

L’importo previsto per il servizio è di 7.085.045, oltre Iva, per un anno, ma la base d’asta è di 10.415.017 euro per la durata dell’appalto di un anno e mezzo. La nuova gara prevede l’aumento della raccolta differenziata al 35 % (attualmente è del 13,5 %) ma la percentuale che la Regione ha imposto di raggiungere entro la fine dell’anno è del 65 %.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa