home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

San Cataldo, uccise il cugino boss mafioso: condannato a 20 anni

La Corte d'assise d'appello di Catania ha inflitto 20 anni a Diego «Dino» Calì ritenuto il mandante dell'omicidio di Salvatore Calì. Delitto per conquistare monopolio pompe funebri

San Cataldo, uccise il cugino boss mafioso: condannato a 20 anni

La Corte d’assise d’appello di Catania ha condannato a 20 anni Diego «Dino» Calì, 64 anni, di San Cataldo (Caltanissetta), ritenuto il mandante dell’omicidio del cugino Salvatore «Totò» Calì, ritenuto il capomafia di San Cataldo. Il delitto, secondo l’accusa, non fu ordito per questioni di mafia, ma perché Dino Calì voleva conquistare il monopolio sulle attività di pompe funebri a San Cataldo, settore in cui è impegnata la famiglia Calì. La vittima venne uccisa a colpi di pistola la sera del 28 dicembre 2008. I giudici etnei hanno pure condannato a 4 anni e 8 mesi Salvatore Lombardo, 39 anni, di Marianopoli, accusato di associazione mafiosa perché considerato un componente della nuova cosca che stava nascendo tra San Cataldo e Sommatino, poi azzerata dal blitz «Nuovo mandamento», condotto dai carabinieri nel dicembre 2009. Si tratta del secondo processo d’appello per questa vicenda. Entrambi gli imputati - che avevano scelto il rito abbreviato - si erano visti annullare le condanne dalla Cassazione e la suprema Corte, nel disporre un nuovo giudizio di secondo grado, aveva inviato gli atti a Catania perché a Caltanissetta c'è una sola sezione di Assise d’appello.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO