home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Museo d'arte contemporanea, ecco la copertura

I lavori procedono speditamente. La struttura dev’essere ultimata entro fine anno per non perdere i fondi

Museo d'arte contemporanea, ecco la copertura

Caltanissetta - Per il museo d’arte contemporanea da realizzare nell’ex rifugio antiaereo della salita Matteotti sono state già collocate le strutture metalliche che faranno da copertura del tratto compreso tra il corso Umberto e l’ingresso dell’ex rifugio.

C’è l’urgenza di completare i lavori che, soprattutto nell’ultimo periodo, sono stati particolarmente accelerati tant’è che il cantiere è aperto anche di sabato.

L’urgenza è conseguenza del fatto che i lavori debbono completati entro la fine dell’anno che è il termine assegnato dall’assessorato regionale ai beni culturali che li ha finanziati per l’importo di 2 milioni 100.000 euro. Se il termine non sarà rispettato, il finanziamento sarà revocato e le somme saranno perdute. E sarebbe questa la seconda volta perché già precedentemente è accaduto. Poi è stato rimediato con il riaccreditamento delle somme ed è stata data una seconda opportunità di spenderle e di realizzare il museo entro fine anno senza possibilità di ulteriore proroga.

A questo punto per fine anno manca ormai solo un mese ed ecco perché ci sono l’urgenza e la necessità di completare i lavori al più presto.

Fiducioso per il completamento dei lavori entro fine anno si è dichiarato il responsabile unico del procedimento ing. Giuseppe Dell’Utri del Comune che ha detto: “Ce la faremo; sono sicuro che riusciremo a completare i lavori entro fine anno perché ci sono tutte le premesse perché questo avvenga”.

Altrettanto fiducioso è Mario Capodici amministratore dell’impresa Cms di Mussomeli che sta eseguendo i lavori.

La copertura in corso di realizzazione è formata da strutture metalliche come lo sono le altre parti all’esterno della struttura. C’è bisogno, quindi, solo di bullonare e praticamente di assemblare le varie parti delle strutture con grande risparmio di tempo.

Sarà mantenuto nello stato in cui si trova, e senza alcuna demolizione o modifica, l’ex rifugio ritenuto “memoria storica” e pertanto intoccabile. Mentre sono stati già ristrutturati i locali antistanti, destinati in un periodo successivo a servizi igienici pubblici, che sono al di fuori dall’ex rifugio. Sono state abbattute le tramezzature preesistenti e sono state realizzate sale per l’esposizione delle opere in dotazione del museo. La superficie espositiva sarà di complessivi 740 metri quadrati.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO