home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Strade troppo strette, la demolizione slitta ancora

Nuovo stop per l'edificio di largo Paolo Barile a Caltanissetta

Strade troppo strette, la demolizione slitta ancora

Caltanissetta - Sono intervenute nuove remore per l’abbattimento del vecchio, disabitato e pericolante edificio di largo Paolo Barile a Caltanissetta, con la cui demolizione sarà ampliata e sistemata la piazza antistante. Infatti, quando sembrava che stesse per essere indetta la gara per l’appalto dei lavori di demolizione a distanza di quattro anni dal finanziamento assegnato, all’ufficio tecnico del Comune si sono accorti che nel bando di gara, già predisposto e approvato, non era stato previsto il tipo di mezzi che l’impresa aggiudicataria dovrà utilizzare per il trasporto in discarica del materiale di risulta. Perché non era stato tenuto conto che le vie di accesso e di uscita dal largo Paolo Barile sono strette (malgrado il nome della strada) e non consentono il transito di grossi mezzi.

«A causa dell’orografia del luogo – è stato rilevato all’ufficio tecnico del Comune – i mezzi per il trasporto del materiale di risulta devono essere idonei al transito nelle strade limitrofe al fabbricato da demolire». Ed è stato precisato che la lunghezza massima dei mezzi da utilizzare non deve superare i 5 metri.

Questa parte aggiuntiva è stata ora inserita nel bando di gara preesistente che è stato poi approvato nella sua interezza. Contestualmente è stata inviata alle imprese specializzate in demolizioni una lettera per sapere quali di esse sono disposte a partecipare alla gara. Le imprese che avranno dichiarato la propria disponibilità successivamente saranno invitate a partecipare alla gara di appalto la cui data di svolgimento sarà fissata dopo che si saprà chi di loro vuole parteciparvi.

L’edificio da demolire è composto da un piano terra e tre piani sopraelevati. E’ stato già da tempo espropriato dal Comune ed è vuoto; è in pessime condizioni e molte sue parti sono pericolanti e minacciano di crollare. Per la sua demolizione è stata prevista la spesa di 105.820 euro, ma l’importo a base d’asta della gara da effettuare è stato fissato in 77.975, di cui 10.3339 per oneri di sicurezza.

Le somme saranno pagate con il finanziamento di 500.000 euro concesso dall’assessorato regionale Autonomie locali nel 2012. L’abbattimento dell’edificio fa parte del progetto generale denominato “La grande piazza” e finalizzato a conferire un aspetto migliorativo al centro storico. Senza l’edificio, largo Paolo Barile sarà ampliato e, soprattutto, sarà data maggiore visibilità al palazzo Moncada che attualmente è oscurato dalla sua presenza.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa