home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Antenna Rai a Caltanissetta: ok dalla Regione per la variante e l'acquisizione

Emesso il Decreto dell'assessore all'Ambiente Croce. Adesso il Consiglio comunalepuò porre il vincolo urbanistico.

Antenna Rai a Caltanissetta: ok dalla Regione per la variante e l'acquisizione

L’assessore Croce ha così accolto e condiviso il parere precedentemente espresso dalla Commissione Tecnica Specialistica per le autorizzazioni ambientali di competenza regionale ritenendo che nel caso specifico non c’è impatto ambientale perché, come è stato rilevato, “si è potuto evincere che l’area in oggetto non presenta particolari problemi di carattere ambientale, a meno dei segni determinati dallo stato di abbandono in cui essa versa”. L’assessore ha anche tenuto conto dei “preventivi pareri favorevoli” espressi nella conferenza di servizi, svoltasi il 24 maggio 2014 all’ufficio tecnico di Caltanissetta, “da parte degli organismi provinciali competenti in materia” quali Ufficio del Genio Civile, Soprintendenza e Ispettorato Ripartimentale delle Foreste. Dai pareri espressi si evince che “nell’area della variante saranno permessi: la realizzazione di un parco per la fruizione del verde; il recupero degli immobili esistenti perché in tale area saranno vietate nuove edificazioni ad esclusione di modesti manufatti per la fruizione del parco stesso; la realizzazione di un museo etno-antropologico costituito dagli impianti di radiocomunicazione e l’antenna Rai Way inattiva dal 2004 che, oltre ad avere avuto un’importante funzionalità storica in quanto risalente aia primi anni Cinquanta, costituisce un elemento storico culturale del progresso nella radiocomunicazione con valore di archeologia industriale”. Nel decreto si fa riferimento a tutto il lavoro predisposto dalla Giunta Campisi.

A questo punto non dovrebbero esserci ulteriori remore per l’adozione da parte del Consiglio comunale della delibera proposta dalla precedente giunta il 31 maggio 2014 per l’approvazione della variante che il 15 dicembre scorso fu portata in consiglio ma non fu approvata perché si ritenne che prima occorreva richiedere la Vas che, invece e dopo il decreto emesso dall’assessore regionale Croce, non occorre più. Per cui, se c’era un ostacolo, ora risulta rimosso. Ora bisognerebbe agire in fretta per avere la certezza che solo l’approvazione della variante può dare con l’apposizione del vincolo urbanistico per salvare da possibili speculazioni edilizie la zona e, soprattutto, l’antenna che non correrà così pericoli di essere smantellata e sarà salvata. Né dovrebbe essere difficile farlo anche perché la giunta Ruvolo ha più volte detto che intende salvare l’antenna Rai, tutta l’area attorno e gli edifici esistenti con quello che c’è dentro.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa