home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Ex province: ricorso comitati civici a Gela contro elezioni

Hanno deciso di presentare ricorso al Tar per bloccare le elezioni di secondo livello nelle ex province della Sicilia, ritenute «atti di un procedimento illegittimo»

Ex province: ricorso comitati civici a Gela contro elezioni

GELA (CALTANISSETTA) - I comitati civici per l'adesione di Gela, Niscemi e Piazza Armerina all’area metropolitana di Catania hanno deciso di presentare ricorso al Tar, tramite il loro legale, Gaetano Armao, per bloccare le elezioni di secondo livello nelle ex province della Sicilia, ritenute «atti di un procedimento illegittimo» in quanto ignorerebbero il risultato del referendum popolare favorevole al passaggio dei tre comuni ricorrenti alla provincia etnea.

In un comunicato, contestano, inoltre, il decreto del 13 dicembre, con cui l’assessorato regionale alle autonomie locali ha creato una "scheda bis" per differenziare e meglio ponderare il voto dei consigli comunali rinnovati dopo la primavera 2015 con un taglio del 20% dei seggi rispetto ai comuni della stessa fascia che vantano un numero maggiore di consiglieri eletti col vecchio sistema. Tale differenziazione, che definiscono «l'ennesimo strafalcione di Crocetta», farebbe «venir meno il rispetto del principio di segretezza del voto», fissato, come è noto, per il 26 febbraio prossimo.

Ci sarebbe perciò il rischio concreto di un annullamento delle votazioni. «La tanto strombazzata riforma delle ex province - scrivono i comitati di Gela, Niscemi e Piazza Armerina - è nata male e sta finendo anche peggio... dopo otto passaggi legislativi e ben quattro anni di attese».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa