home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Il lavoro degli "angeli del soccorso"

Centrale del “118”, dai locali dell’ex Dubini parte il sistema di emergenza sanitaria per Caltanisssetta, Agrigento ed Enna

Il lavoro degli "angeli del soccorso"

Caltanissetta - Le postazioni in centrale operativa sono tutte occupate, tre operatori la mattina, altrettanti il pomeriggio e due la sera. Siamo nell'ex ospedale Dubini di viale Luigi Monaco, da quelle telefonate di Sos - spesso confusionarie dalla tensione e dalla paura, qualche volta anche qualche scherzo poco piacevole - parte la macchina dell'emergenza, quel sistema di intervento che ha permesso adesso all'ospedale Sant'Elia di ottenere la promozione quale "hub" dell'emergenza - urgenza della sanità racchiusa tra le province di Caltanissetta, Agrigento ed Enna.

Una "promozione" per il "cuore" della nostra isola perché qui - e non sono gli unici in Sicilia - da anni ci sono gli angeli del soccorso, cioè gli operatori del 118. Davanti ai pc della centrale operativa aperta nell'ex Dubini, coordinata dal dott. Giuseppe Misuraca, ci sono giovani e professionisti che ricevono la prima telefonata, la richiesta d'aiuto dai residenti degli 85 comuni delle tre province servite da 49 ambulanze. E poi c'è I-Cala, l'elicottero-ambulanza che decolla dall'elipista del Sant'Elia per raggiungere anche gli isolotti antistanti la Sicilia.

Stiamo per percorrere è il viaggio nel sistema dell'emergenza sanitaria nelle tre province. Gli operatori, tutti in divisa gialla e nera, stanno lì davanti a quei pc e con le cuffie alle orecchie. «Centrale 118 di Caltanissetta mi dica», sembra una frase registrata, ma non è così. C'è un giovane che riceve la richiesta di soccorso. «Stia calma, mi faccia comprendere meglio il problema». Dall'altra parte del telefono lacrime e singhiozzi, mentre si sentono le urla. «Mi dia la città e l'indirizzo esatto che le invio un'ambulanza». Nel monitor i Comuni delle tre province con tanti puntini rossi, sono le ambulanze dislocate, alcune impegnate in intervento, altre libere. Così parte un'altra telefonata - questa volta agli operatori di ambulanza - per segnalare via e numero civico di chi richiede l'intervento, nello stesso tempo in base alle segnalazioni ricevute si comunica anche il codice di intervento, se si tratta di una caduta, un arresto cardiaco o altre patologie, tutto ciò in base alla comunicazione giunta alla centrale operativa e ai sintomi comunicati da chi ha digitato il numero verde.

Poi le comunicazioni radio tra l'ambulanza e la centrale dove vengono riportati gli orari di partenza, arrivo, ripartenza e destinazione al Ps (cioè al pronto soccorso) e poi l'operatività. Sembra che parlino in codice, ma dietro ogni comunicazione ci sono delle indicazioni ben precise che solo gli addetti ai lavori possono interpretare.

Non sempre è necessario l'intervento di un'ambulanza. Il 2016 è stato caratterizzato dalle manovre salva vita suggerite dai singoli operatori a coloro i quali chiedevano aiuto. In particolare interventi nei bambini che hanno rischiato di morire soffocati per un rigurgito di latte. Calma e sangue freddo. L'operatore si asciuga la fronte ed inizia a comunicare le manovre da fare trasmettendo sicurezza all'interlocutore. C'è anche questo dietro il lavoro di chi è chiamato a gestire l'emergenza, nessuna emozione deve trasparire o preoccupazione. Bisogna intervenire, nel brevissimo tempo. È questo uno dei comandamenti - che non è stato messo nero su bianco - per chi è chiamato a "salvare" la vita delle persone.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa