home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Abbattuto l'ultimo diaframma della galleria Caltanissetta lungo la Ss 640

Per scavarla usata la fresa più grande del mondo e sono stati necessari 525 giorni di lavoro

Abbattuto l'ultimo diaframma della galleria Caltanissetta lungo la Ss 640

E’ stato abbattuto l’ultimo diaframma della galleria «Caltanissetta» sul secondo lotto della strada statale 640 «Degli Scrittori», tra Agrigento e l'autostrada A19 «Palermo-Catania». I numeri dei lavori in corso: quasi 4.000 metri per ogni canna, 15 metri di diametro, 178 metri quadrati di sezione, 545 giorni di scavo, 210 milioni di euro di investimento Anas.
L’intervento, per un investimento complessivo pari a 1,5 miliardi di euro, prevede la realizzazione di una nuova piattaforma stradale a carreggiate separate, ciascuna costituita da due corsie di 3,75 metri, una banchina esterna da 1,75 metri e una banchina interna da 1,25 metri, per una sezione stradale complessiva di larghezza pari a 23,50 metri. Il primo lotto della statale, da Agrigento a Grottarossa, è stato definitivamente aperto al traffico lo scorso 28 marzo.
Nell’ambito del secondo lotto, i cui lavori sono in corso con ultimazione prevista il prossimo anno, le opere d’arte sono costituite da 6 svincoli, in adeguamento a quelli esistenti, 1 cavalcavia, 7 sottovia scatolari, 14 viadotti, 5 gallerie artificiali e 4 gallerie naturali.
Per la galleria Caltanissetta è stata utilizzata una fresa Tunnel Boring Machine - battezzata «Barbara» dagli operai del cantiere, in omaggio alla Santa protettrice dei minatori - che è la più grande Tbm mai utilizzata dall’Anas e tra le più grandi e potenti costruite in Europa. I 22 motori elettrici della macchina - ciascuno di potenza pari a 348 kW per una potenza complessiva di 7656 kW - hanno consentito una velocità massima di avanzamento, in fase di scavo, pari a 65 mm al minuto. Una volta scavato dalla testa rotante, il materiale veniva estratto dalla camera di scavo e portato verso la parte posteriore tramite un nastro trasportatore. I tempi di realizzazione dello scavo di entrambe le canne sono stati di 545 giorni effettivi, con una media di scavo effettiva di 14,30 metri al giorno.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa