home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Niscemi, prof e studenti in classe a luglio per le ore perse in inverno

Il preside: «Da recuperare il tempo perduto durante l'anno scolastico per i termosifoni guasti». La Cgil pronta a chiedere la revoca dell'ordinanza per illegittimità

Niscemi, prof e studenti in classe a luglio per le ore perse in inverno

NISCEMI -  I termosifoni dell’Istituto d’istruzione superiore “Leonardo da Vinci” di Niscemi sono andati in tilt per molti giorni, in pieno inverno, quindi era stato disposto l’orario ridotto nel periodo di non funzionamento (prima a dicembre 2016 e poi a gennaio 2017). Ora bisogna recuperare il tempo perduto. Lo ha disposto il dirigente scolastico Fernando Cannizzo con un provvedimento nell’albo on line dell’istituto, con cui «richiama» in servizio per una settimana a luglio tutti i docenti («revocando anche le ferie già concesse») e con cui «determina l’obbligo di frequenza per gli studenti». econdo il dirigente scolastico ci sono da recuperare delle ore curriculari non effettuate per alleviare i disagi causati dal cattivo funzionamento dell’impianto di climatizzazione del grande complesso scolastico che ospita i licei scientifico, classico, linguistico e scienze umane, l’istituto commerciale e l'agrario professionale. 

 

Inutile evidenziare che la decisione è apparsa come un fulmine a ciel sereno per tutti, compresi i circa mille studenti che al “Da Vinci” frequentano Liceo scientifico, Liceo classico, Liceo linguistico, Professionale per l’agricoltura e Istituto tecnico amministrazione e finanza.

 

Da un calcolo approssimativo, i docenti dovrebbero restituire 500 euro ciascuno per aver lavorato di meno, mentre i ragazzi dovrebbero tornare a scuola per colmare un ammanco di 60 ore. E’ a rischio l'esito dello scrutinio per gli studenti promossi e ammessi agli esami di maturità (ancora in corso).

 

Tante le domande che i genitori dei ragazzi si pongono, con molte famiglie che avevano già prenotato le vacanze estive, come del resto sarà accaduto anche a molti insegnanti. «I nostri figli che si “maturano” in questa sessione di esami di Stato debbono ritornare sui banchi di scuola per recuperare una settimana di lezioni?». «E se non saranno presenti, verrà annullato il risultato dell’esame?».

 

L’ordine di servizio è stato comunicato a tutti i docenti e agli alunni dell’Iiss “Leonardo da Vinci” per «recupero - si legge nell’oggetto dello stesso provvedimento - frazione oraria nel periodo dal 17 al 22 luglio 2017». Ciò comporterà anche il ritorno a scuola di tutti i docenti e studenti, creando seri problemi per chi ha programmato ferie o altri eventi, e il rientro a scuola dei docenti precari già licenziati.

 


Il dirigente prof. Fernando Cannizzo (nella foto), nel dispositivo spiega che la determinazione «fa seguito - scrive il preside - all’esposto dei professori Gaetano Giarracca e Enzo Traina del 10 marzo scorso e della conseguente visita ispettiva notificata a questo dirigente scolastico in data 23 giugno scorso, relativa alla riduzione oraria di 20 minuti in alcuni periodi dell’anno scolastico». Riduzione di orario a suo tempo assunta, sottolinea il dirigente, all’unanimità sia dal Consiglio d‘Istituto che dal Collegio del docenti, «per affrontare e risolvere la mancata erogazione termica che non consentiva decorose condizioni di lavoro per docenti e alunni». Per forza maggiore, quindi, «sono state erogate delle frazioni di ore in meno per complessive 32 giornate, pari quindi a complessive 18 ore per ciascun docente. Un docente con orario settimanale diverso subirà incrementi o riduzioni proporzionali».

 

Il prof. Fernando Cannizzo non ha voluto commentare. Intanto le famiglie dei mille alunni debbono cambiare programma, disdire prenotazioni in alberghi o villaggi turistici. Il recupero avverrà appunto nella settimana dal 17 al 22 luglio secondo l’orario delle lezioni in vigore nell’anno scolastico appena... concluso.

 

Resta l’incognita sugli effetti di questa ordinanza. Dai vertici scolastici regionali sono stati inviati degli ispettori che - secondo Traina - avrebbero cercato di «accertare anche eventuali danni erariali per la scuola, legati alla gestione dell’impianto di riscaldamento». Per lo stesso Traina, Rsu della Cgil, «il preside ha sbagliato allora a ridurre di 20 minuti l’ora di lezione e sta sbagliando ora con l’ordine di servizio ai docenti senza che sia stato deliberato dagli insegnanti l’apposito piano di recupero-ore, e dunque in violazione del contratto nazionale di lavoro della categoria».

 

Per questo la Cgil si accinge a chiederne la revoca per «palese illegittimità». Secondo un calcolo di massima del sindacato, i docenti rischiano di pagare 500 euro a testa, mentre gli studenti dovrebbero allungare la loro presenza in classe per altre 60 ore. Ma è inverosimile che possano farlo in 6 giorni, alla media di 10 ore al giorno. Per cui attorno alla vicenda montano oltre alle polemiche anche le battute umoristiche. C'è chi rivede in questo episodio il film di Paolo Genovese, «Immaturi» (2010), con ex liceali costretti, dopo molti anni, a ripetere gli esami di Stato perché un membro della commissione dell’epoca era risultato privo dei titoli necessari.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa