home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Caltanissetta, approvata la variante per la nuova ala del Tribunale

E' arrivato l'ok dal Provveditorato regionale delle opere pubbliche, attesa la ripresa dei lavori

Caltanissetta, approvata la variante per la nuova ala del Tribunale

CALTANISSETTA Il comitato tecnico amministrativo del Provveditorato Regionale alle Opere Pubbliche di Palermo ha approvato la variante al progetto di costruzione della nuova ala di ampliamento del palazzo di giustizia di via Libertà. Conseguentemente potranno presto riprendere i lavori che sono fermi da 8 mesi prima in attesa della redazione della variante e poi della sua approvazione.

La variante si è resa necessaria perché nel corso dei lavori, ossia in corso d’opera, è stata ritenuta necessaria la modifica delle parti interne soprattutto di due dei sette piani di elevazione della struttura (altri due piani sono seminterrati) per le mutate esigenze rispetto a quelle previste originariamente.

Si tratta, comunque, di modifiche che non incidono sul costo delle opere da realizzare per cui non ci sono spese aggiuntive. Più precisamente sarà ora realizzata una differente divisione dei locali e dei servizi annessi perché è stata mutata la loro destinazione di uso.

Nell’approvare la variante proposta, il comitato tecnico amministrativo del Provveditorato Regionale alle Opere ha però imposto delle prescrizioni che dovranno essere rispettate e che si aspetta di conoscere.

“Sapremo quali sono le prescrizioni imposte – ha detto il direttore dei lavori arch. Angelo Armatore del Comune – quando ci sarà notificato il provvedimento di approvazione della variante e comunque molto presto”. E ha aggiunto: “Intanto l’impresa è già stata allertata e dovrà tenersi pronta perché dovrà riprendere i lavori subito dopo la notifica del provvedimento”.

I lavori hanno già un ritardo di oltre un anno e mezzo. Sono iniziati l’8 marzo 2013 e avrebbero dovuto essere completati il 7 novembre 2015 perchè il tempo previsto dal contratto per la loro esecuzione è di 32 mesi. Mentre il finanziamento di 8.250.000 euro risale al dicembre del 2000.

Inizialmente per l’ampliamento del palazzo di giustizia furono previsti tre “corpi” per la spesa complessiva di 24 milioni di euro. Tre corpi da realizzare uno accanto all’altro nell’area compresa tra il palazzo di giustizia esistente e l’auditorium del liceo scientifico “Alessandro Volta”. Ora appare molto difficile che possano essere finanziati e realizzati gli altri due corpi.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO