home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

La crisi idrica a Cesarò? Colpa di un allevatore di Bronte che rubava l'acqua

L'uomo, 59 anni, dovrà rispondere di furto aggravato. L'allaccio abusivo è stato immediatamente rimosso

La crisi idrica a Cesarò? Colpa di un allevatore di Bronte che rubava l'acqua

MESSINA - Svelato il mistero che si celava dietro la penuria d’acqua a Cesarò, in provincia di Messina. I carabinieri hanno arrestato un allevatore di 59 anni originario di Bronte (Catania), che adesso dovrà rispondere di furto aggravato. Da giorni i militari insieme a tecnici dell’Eas (Ente acquedotti siciliani) stavano passando al setaccio gli oltre 15 chilometri di tubi che portano l’acqua nei comuni di Cesarò e San Teodoro, dove da tempo si registrava un’inusuale crisi idrica.

Ieri mattina in contrada Casazza i militari hanno svelato il mistero, scoprendo un allaccio abusivo alla rete pubblica realizzato da un allevatore. L’uomo, il 59enne per il quale è scattato l’arresto, con un tubo convogliava l’acqua in una vasca in acciaio utilizzata per abbeverare una trentina di bovini e irrigare la sua azienda. L'allaccio abusivo è stato immediatamente rimosso, mentre l’uomo, dopo la convalida dell’arresto, è stato sottoposto all’obbligo di dimora a Maniace.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa