home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Giarre, nipote boss dei "Carateddi" tra arrestati per tentato assalto a negozianti cinesi

Salvatore Bonaccorsi è tra i 5 arrestati dalla Squadra Mobile della Questura di Catania per il tentativo di rapina in via Leonardi in danno a tre commercianti che stavano rientrando con un trolley con 60 mila euro. Il commando era formato da 10 persone

Giarre, nipote  boss dei "Carateddi" tra arrestati per tentato assalto a negozianti cinesi

CATANIA - C'è anche il nipote di Ignazio Bonaccorsi, capo dell'omonima famiglia mafiosa catanese dei "Carateddi", tra gli arrestati dalla Squadra Mobile di Catania per il tentato assalto di ieri sera a Giarre, in via Don Tommaso Leonardi, ai danni di tre commercianti cinesi, che in in trolley avevano 60 mila euro in contanti.

Cinque in tutto gli arrestati, quattro catanesi e un senegalese: sono Salvatore Bonaccorsi, 28 anni, nipote  del capo della cosca dei "Carrateddi", Salvatore Calvagna, 34 anni, Salvatore Giuffrida, 33, Giovanni Trovato, 28, e Moustapha Diop Serigne, 49 anni, in possesso di regolare permesso di soggiorno, ritenuto il "basista" del commando. Sono ancora in corso le indagini della squadra mobile per identificare gli altri cinque complici riusciti a fuggire. Uno degli arrestati, Giuffrida, è ricoverato nell’ospedale Cannizzaro di Catania, con una prognosi di 20 giorni, perché colpito da schegge alla caviglia destra dopo che un poliziotto ha esploso, cadendo, accidentalmente un colpo di pistola. 

FOTOGALLERY

L’operazione era nata da un servizio della sezione Antirapine della squadra mobile di Catania che aveva appreso di un assalto a cinesi a Giarre. Sono stati avviati dei posti di osservazione fino a quando, nel centro della città, dieci banditi, col volto coperto da passamontagna e armati di pistola, hanno aggredito tre cinesi, che hanno reagito e sono stati picchiati, per rubargli il trolley. I commercianti orientali pagano in contanti le loro transazioni e sono abituati a girare con grosse somme di denaro in contanti. I tre, secondo la polizia, erano "controllati" dai banditi probabilmente grazie alla collaborazione del somalo e a un impianto Gps che era stato installato a loro insaputa nell’auto utilizzata dai tre cinesi.


Per bloccare la rapina e l’aggressione i primi due poliziotti hanno esploso un colpo di pistola in aria a scopo intimidatorio: cinque banditi sono fuggiti a piedi e sono stati arrestati, altri cinque sono scappati a bordo di due automobili con targhe rubate. I tre cinesi sono stati portati in ospedale per i trami da percosse subiti e giudicati guaribili in 10 giorni. Sul posto sono intervenute anche ambulanze e pattuglie dei carabinieri della compagnia di Giarre. La Procura di Catania ha aperto un’inchiesta. 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa