home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Santa Maria di Licodia, 40enne muore nello scontro tra moto e camion su Ss 284

La vittima, a bordo della moto, uscendo da una curva si è trovato di fronte il mezzo pesante

Santa Maria di Licodia, 40enne muore nello scontro tra moto e camion su Ss 284

Santa Maria di Licodia (Catania) - Ennesimo incidente stradale ieri mattina e un’altra vita spezzata sulla statale 284 Randazzo-Paternò. A perdere la vita, alle 7 circa, è stato Salvatore Scravaglieri, a tutti noto come Patrizio. Come tutti i giorni, stava andando al lavoro, a Piano Tavola. A bordo del suo scooter, un Honda SH 300, stava percorrendo la statale in direzione Paternò, quando, poche decine di metri dopo aver lasciato la barriera gommata che separa le carreggiate in territorio di Biancavilla (l’impatto è avvenuto in territorio di Santa Maria di Licodia), sulla sua corsia si è trovato un autocarro che procedeva in direzione opposta. Violentissimo l’impatto, con il 40enne che ha perso il controllo del mezzo, incastratosi sotto il guardrail laterale a una decina di metri dal luogo dello scontro. Gravissime le ferite subite dallo scooterista, che nell’impatto ha perso una mano e una gamba. L’uomo alla guida dell’autocarro, invece, non si è fermato. Ha continuato la sua corsa, sembra abbia chiamato il 112 per far scattare i soccorsi, e poi si è presentato alla caserma dei carabinieri di Biancavilla. I militari dell’Arma hanno raccolto la sua testimonianza (sulla sua identità c’è massimo riserbo) e quella delle altre persone che in quel momento erano sulla Statale e hanno visto l’incidente, per capire e accertare le eventuali responsabilità. Il conducente dell’autocarro era diretto a Biancavilla, lavora, infatti, per la ditta che sta installando le luminarie per la festa patronale.


La dinamica è in fase di ricostruzione. Un fatto è certo, l’autocarro si trovava al momento dell’impatto sulla corsia opposta, mentre la vittima sopraggiungeva, dunque, il mezzo pesante ha effettuato un’invasione di corsia. Patrizio Scravaglieri era appena uscito da una curva, quando è avvenuto il terribile impatto, contro quell’autocarro paratosi davanti.
A tentare di aiutare l’uomo è stato un volontario della Croce Rossa ritrovatosi sul luogo dell’incidente. Sulla vittima, vigile quando l’ha raggiunto, ha effettuato anche un massaggio cardiaco, ma le ferite riportate erano troppo gravi e l’uomo è morto poco dopo.


Sulla statale 284 lo strazio dei familiari, arrivati alle 10 circa. Impossibile da accettare una morte tanto assurda. Patrizio Scravaglieri era molto conosciuto ad Adrano, dove la sua morte ha lasciato dolore e sgomento. La salma di Scravaglieri è stata portata all’ospedale Cannizzaro, in attesa della decisione dell’autorità giudiziaria. I mezzi sono stati sequestrati. Sul posto, i carabinieri della Compagnia di Paternò e delle Stazioni di Santa Maria di Licodia e Biancavilla, che hanno effettuato i rilievi e disciplinato il traffico. In supporto per la viabilità della zona, rimasta ferma (per alcuni momenti in entrambi i sensi di marcia) fino alle 11, anche gli agenti della Polstrada di Randazzo. Sul posto anche il 118 e in supporto personale Anas che ha pensato a ripulire la strada dai detriti prima della riapertura al normale transito veicolare. Il magistrato incaricato dell’indagine sta valutando con attenzione cosa accaduto per decidere l’eventuale ipotesi di reato, non è escluso l’omicidio stradale.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa