home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Catania, l'ispettore Licari lascia la Rianimazione, ora andrà a Cefalù per la riabilitazione

Il vigile urbano selvaggiamente aggredito dal branco dopo avere impedito ad uno scooter di accedere ad una strada vietata al transito. L'annuncio del fratello sui social

Catania, l'ispettore Licari lascia la Rianimazione, ora andrà a Cefalù per la riabilitazione

Nel riquadro l'ispettore colpito Luigi Licari

E’ stato dimesso dall’Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione dell’ospedale Cannizzaro di Catania ed è stato trasferito all’ospedale Giglio di Cefalù (Palermo) per avviare la riabilitazione l’Ispettore della Polizia Municipale Luigi Licari aggredito il 2 agosto scorso nel capoluogo etneo per aver vietato ad un giovane di entrare con lo scooter in una strada che era temporaneamente chiusa al traffico.

Lo ha reso noto il fratello Matteo sul suo profilo Facebook. Per l’aggressione è stato fermato, con l’accusa di lesioni gravissime, un 22enne, che è l’unico indagato, ma nella ricostruzione della squadra mobile della Questura si parla di diverse altre persone, comprese alcune donne, presenti con il giovane al momento dell’aggressione.

Il 14 settembre scorso il bollettino medico dell’Azienda Ospedaliera Cannizzaro aveva reso noto che lo stato clinico generale dell’Ispettore, pur nella «severità del quadro neurologico», aveva mostrato «apprezzabili miglioramenti», con "lievi segni di ripresa con recupero della coscienza e con risposta agli stimoli esterni» e «respiro spontaneo».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO