home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Etna, turista russo si perde nei boschi, salvato dal Soccorso Alpino della GdF

Il ventisettenne doveva raggiungere il Rifugio Sapienza dal Rifugio Citelli: ha passato una notte a quota 2100. Poi ha dato l'allarme

Etna, turista russo si perde nei boschi, salvato dal Soccorso Alpino della  GdF

I militari del Soccorso Alpino della Guardia di Finanza di Nicolosi hanno salvato un escursionista russo di 27 anni che si era perso sul versante sudovest dell’Etna.

L’uomo era partito giovedì scorso dal rifugio Citelli, a quota 1700 metri sul versante nordest del vulcano e avrebbe dovuto raggiungere il giorno seguente il Rifugio Sapienza per poi proseguire le proprie vacanze nel capoluogo etneo.

Ma venerdì si è perso ad oltre due chilometri di distanza dal rifugio San Gualberto, a circa 2100 mt. s.l.m., si è accampato in una zona boschiva posta nelle immediate vicinanze dell’area interessata dalla colata lavica del 2001, nel comune di Ragalna.

Stamattina, a seguito della richiesta di intervento dell’escursionista, i Finanzieri del Soccorso Alpino si sono recati immediatamente nella zona interessata con un’unità cinofila (con il cane “Asia”, pastore belga appositamente addestrato per la ricerca di persone disperse in ambiente boschivo e in alta montagna) e hanno avviato le operazioni di ricerca. Il turista russo è stato trovato in discrete condizioni fisiche ma comunque spossato dalla notte trascorsa sull’Etna senza viveri e acqua e dopo essere stato rifocillato e reidratato, è stato condotto presso la Stazione del Soccorso Alpino di Nicolosi.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO