home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Pestarono coetaneo per insulti a Sant'Agata su Fb: Polizia denuncia 8 giovani

Le indagini scaturite dalla denuncia della madre di un 17enne che aveva subito minacce sui social e un'aggressione fisica dopo che aveva pubblicato sul web, nel febbraio scorso, un post in cui criticava la statua della santa e i suoi devoti. Altri due maggiorenni segnalati alla Procura

Pestarono coetaneo per insulti a Sant'Agata su Fb: Polizia denuncia 8 giovani

Catania - La Polizia di Stato, Compartimento Polizia Postale di Catania, ha denunciato in stato di libertà alla locale Procura della Repubblica per i minorenni, 8 ragazzi ritenuti responsabili di istigazione a delinquere, lesioni e minacce gravi. Altri 2 soggetti appena maggiorenni sono stati segnalati per minacce e istigazione a delinquere alla Procura Distrettuale etnea.

L’attività investigativa trae origine dalla denuncia di una madre in merito alle minacce ricevute dal proprio figlio di 17 anni. Il ragazzo, in occasione dei festeggiamenti per la patrona di Catania Sant’Agata dello scorso febbraio, aveva pubblicato un post su Facebook con critiche alla statua della santa ed a tutti i suoi devoti, diventando così vittima di gravi minacce e offese dilagate in breve tempo non solo sul social network ma anche su altre applicazioni; venivano creati, infatti, dei gruppi su WhatsApp che incitavano alla violenza contro il ragazzo. Per questi fatti, il minore subiva, altresì, una aggressione fisica davanti la villa Bellini di Catania da parte di un gruppo di coetanei a lui sconosciuti.

La Procura ha immediatamente delegato le opportune indagini alla Polizia Postale, che hanno consentito di identificare coloro che si erano resi autori delle aggressioni verbali e fisiche. I minori venivano ascoltati ed ammettevano le loro azioni. Gli indagati hanno una età compresa tra i 14 e i 17 anni. Nel corso delle indagini altri due soggetti, appena maggiorenni, sono stati deferiti alla locale Procura Distrettuale perché ritenuti responsabili di minacce e istigazione a delinquere.

 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO