home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Distrazioni fondi Ue, dissequestrati beni alla Fondazione Iom

L'accusa era quella di avere "distratto fondi europei, cofinanziati dal Miur, destinati alla ricerca nel settore oncologico" in "operazioni di speculazione finanziaria"

Distrazioni fondi Ue, dissequestrati beni alla Fondazione Iom

CATANIA - La quinta sezione penale del Tribunale del riesame di Catania, presieduta da Sebastiano Mignemi, ha annullato l’ordinanza del Gip che disponeva il sequestro di beni per oltre 4,2 milioni di euro, eseguito dalla guardia di finanza, alla fondazione Istituto oncologico del mediterraneo di Viagrande. Lo Iom era accusato di avere "distratto fondi europei, cofinanziati dal Miur, destinati alla ricerca nel settore oncologico" in «operazioni di speculazione finanziaria», trasferendoli «su conti correnti di altre società riconducibili ai medesimi indagati, per ripianare situazioni di deficit aziendale». Il Tribunale, accogliendo la richiesta degli avvocati Fabio Lattanzi e Filippo Paterniti, ha disposto «la trasmissione degli atti alla Procura per l’esecuzione del dissequestro e la restituzione di quanto avente diritto» e «fissato in 45 giorni il termine per il deposito della motivazione». «I finanziamenti sono sempre stati versati esclusivamente su conti correnti intestati solo alla Fondazione», hanno ribadito i legali della Fondazione Iom. 

Per gli avvocati Fabio Lattanzi e Filippo Paterniti è «un provvedimento che fa luce sulle complesse dinamiche dei fondi per il potenziamento strutturale, sul progetto dichiarato generatore di entrate, sulla collaborazione con altri dipartimenti, attraverso cui la Fondazione ha realizzato strutture e acquistato strumentazioni». «Viene così restituita dignità e apprezzamento - aggiungono i penalisti dello Iom - alla ricerca svolta in ambito internazionale dalla Fondazione per oltre quindici anni e alle connesse attività diagnostiche e terapeutiche, punto di riferimento nel delicatissimo settore oncologico per tutta l'Italia meridionale».  

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 1
  • luigi sidoti

    13 Gennaio 2018 - 18:06

    Durante le indagini preliminari è. .... ""vezzo "" della GdiF e del PM ......sparare nel mucchio ""filosofando"" a tavolino. Quando ci sono gli accertamenti in campo sono costretti a fare tutto alla luce del sole e così viene la verità ...ma ormai il danno è stato fatto. Una Magistratura ""seria"" quando accerta che si è artatamente ......... sparato nel mucchio dovrebbe fare pagare severamente chi per colpa o superficialita' hanno ""peccato ?

    Rispondi

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO