home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

"Pizzo" di 1000 € al mese a titolare discoteche di Catania dal clan Cappello: tre arresti

Il provvedimento spiccato anche per Massimiliano Salvatore Salvo, "Massimo 'u carruzzeri", già al 41 bis. In manette il fratello Francesco. La "vittima" è il titolare di due noti locali della città

"Pizzo" di 1000 € al mese a titolare discoteche di Catania dal clan Cappello: tre arresti

Catania - Gli agenti della Polizia di Stato hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Catania su disposizione della Procura Distrettuale, nei confronti di Massimiliano Salvatore Salvo, 36 anni, detto "Massimo 'u carruzzeri", pregiudicato, già detenuto in regime di 41 bis, ritenuto responsabile, in concorso con Francesco Salvo, 28 anni, e Kristian Zappalà, 22 anni, di estorsione continuata e aggravata. Dalle indagini è emerso che il titolare di due noti locali notturni catanesi era costretto a pagare, dall’ottobre 2016, una somma pari a 1.000 euro al mese a esponenti della cosca Cappello - Bonaccorsi a titolo di protezione. In particolare, la notte tra il 16 e 17 dicembre scorsi, il titolare delle due discoteche avrebbe dovuto versare a un esattore, non identificato, la somma di 1.000 euro. Il soggetto incaricato di riscuotere il "pizzo" sarebbe stato un emissario di Francesco Salvo, fratello Salvatore Massimiliano Salvo, ritenuto al vertice dell’organizzazione mafiosa Cappello - Bonaccorsi. In un primo momento la somma veniva riscossa da quest’ultimo e successivamente al suo arresto - avvenuto a gennaio 2017 nell’ambito dell’operazione "Penelope" - dal fratello. Grazie alle intercettazioni ambientali e video-riprese, nella notte tra il 16 e il 17 dicembre fermavano l’esattore - identificato in Kristian Zappalà - mentre usciva dalla discoteca. 

La perquisizione consentiva di rinvenire la somma di 1.000 euro in banconote di vario taglio in possesso dello stesso, che veniva arrestato per estorsione aggravata. La Procura emetteva così un decreto di fermo nei confronti Francesco Salvo perchè indiziato di concorso nell’estorsione e il Gip convalidava sia l’arresto che il fermo accogliendo altresì la richiesta di adozione di provvedimento restrittivo anche a carico di Salvatore Massimiliano Salvo. All’udienza del 4 gennaio scorso il Tribunale del Riesame di Catania ha confermato la misura cautelare emessa dal Gip nei confronti di Zappalà e Francesco Salco, mentre la posizione di Salvatore Massimiliano Salvo sarà vagliata all’udienza del 16 gennaio.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO