home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Controlli a Catania, scoperti autonoleggio abusivo e lavoratore "truffaldino"

Nel quartiere di Canalicchio un’attività di autonoleggio totalmente abusiva mentre in un bar, della stessa zona, il dipendente "in nero" percepiva l'assegno di disoccupazione con la complicità del titolare

Controlli a Catania,  scoperti autonoleggio abusiva e lavoratore "truffaldino"

Catania - Proseguono i controlli del Commissariato di Borgo Ognina. Nel quartiere “Canalicchio”, al confine col comune di Tremestieri Etneo, è stata scoperta un’attività di autonoleggio totalmente abusiva; all’interno è stato trovato un un dipendente, un pensionato che percepisce la pensione sociale, privo di regolare contratto di lavoro il quale, visto lo stato di bisogno, era costretto a lavorare per 9 ore al giorno, percependo 3 euro l’ora. Per tale motivo, i titolari dell’autonoleggio, tali S.F. e D.P.P. sono stati indagati in stato di libertà ai sensi dell’art. 603 bis c.p. che, tra l’altro, punisce lo sfruttamento del lavoro mediante sfruttamento dello stato di bisogno del lavoratore.

Nella medesima zona, è stato controllato un bar-gastronomia: in detto esercizio è stata riscontrata sporcizia all’interno della zona laboratorio, mancanza di idonei spogliatoi e la presenza pesce surgelato il cui menù, riportante tale indicazione, non era riposto sui tavoli. All’interno della predetta attività è stato identificato un lavoratore che, a seguito di attività immediata investigativa, è risultato percettore di un’indennità di disoccupazione pari a 400,00 euro mensili.

Dall’attività di polizia è emerso anche che il titolare era consapevole di tale truffa ai danni dello Stato e l’aveva aiutato “assumendolo” in nero: per tale motivo, il lavoratore e il datore di lavoro, tali S.C.A. e R.L., sono stati indagati in concorso per i reati di falso e truffa aggravata per il conseguimento di erogazione pubblica. Il titolare è stato, altresì, indagato per i reati di frode in commercio e per violazioni in materia di sicurezza e salubrità sui luoghi di lavoro con particolare riferimento alla sporcizia riscontrata e alla mancanza di spogliatoi.

Infine, sempre in zona Canalicchio e unitamente alla Polizia Locale, è stato sanzionato un fioraio che esercitava l’attività senza autorizzazione: le piante sono state sequestrate e donate ad un centro di accoglienza gestito dalla Chiesa.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO