home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Traditi dal Dna lasciato su un bicchiere, presi gli autori di una rapina in villa a Grammichele

I carabinieri hanno arrestato tre giovani. Le tracce genetiche trovate perché hanno sorseggiato un liquore nella casa di una coppia anziani (selvaggiamente picchiata)

Traditi dal Dna lasciato su un bicchiere, presi gli autori di una rapina in villa a Grammichele

Il bicchiere dove sono state trovate le tracce di Dna

Secondo i carabinieri sono loro gli autoriìdell’efferata rapina avvenuta nel febbraio del 2015 ai danni di una anziana coppia di Grammichele. Quel giorno i banditi si introdussero nel cortile della villa dei coniugi e, dopo averli attesi al rientro, sotto la minaccia di una pistola, li picchiarono, costringendoli ad entrare nell’immobile ed a consegnare loro del denaro ed altri gioielli, non risparmiando nemmeno la fede nunziale della donna.

LE FOTO DEGLI ARRESTATI

Ora i carabinieri della Stazione di Grammichele, insieme ai militari del Nucleo Operativo della Compagnia di Caltagirone, hanno eseguito un ordine di custodia cautelare in carcere nei confronti del 26enne Dario Amato e del 24enne Gaetano Gullè entrambi del posto. Nel carcere di Opera il provvedimento è stato notificato al 24enne Frenk Di Stefano.

Di vitale importanza investigativa – spiegano i carabinieri - sono state le tracce di Dna rilevate sul bicchiere utilizzato da uno dei malviventi per sorseggiare un liquore presente sul piano bar del soggiorno delle vittime, mentre gli altri complici erano intenti a rovistare nell’abitazione.

I tre soggetti sono accusati di rapina in concorso pluriaggravata.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO