home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Centrodestra "pigliatutto". Nel Pd svettano Berretta e Sammartino

I dati di un sondaggio dell'Agenzia "Delìgo" analizzano la tendenza voto nei tre collegi uninominali di Catania, Acireale e Misterbianco. M5S è terzo (grafici all'interno)

Centrodestra "pigliatutto".  Nel Pd svettano Berretta e Sammartino

Catania - Centrodestra «pigliatutto» nei collegi uninominali di Catania, Misterbianco e Acireale. Ma il dato da osservare con attenzione è anche la tenuta dei candidati di centrosinistra su quelli dei Cinquestelle e il loro valore aggiunto per il partito di riferimento. E’ il risultato che emerge da un sondaggio dell’Agenzia »Delìgo» (Servizi e strategie per la comunicazione) che ha preso in esame un campione di elettori della città di Catania e di Acireale attraverso 1.051 interviste effettuate su chi è intenzionato a votare alle prossime elezioni. Il dato che è emerso da questa indagine, riservata solo ai collegi per la Camera, è interessante per capire le dinamiche che potrebbero influenzare anche il voto delle prossime amministrative catanesi.

A sfidarsi nel collegio uninominale di Catania sono Manlio Messina per il centrodestra. Messina attualmente è capogruppo di «Fratelli D’Italia» della Meloni in Consiglio comunale. Per il centrosinistra a scendere in campo è il deputato uscente del Pd, Giuseppe Berretta, ex sottosegretario alla Giustizia ed esponente della corrente minoritaria del Pd che fa riferimento al ministro Orlando. Per i Cinquestelle la candidata è Laura Paxia, imprenditrice.

Il dato che emerge dal rilevamento è la schiacciante prevalenza di voti per il centrodestra. Secondo il sondaggio Manlio Messina attualmente è piazzato al 38%. Il campione di elettori intervistato ha poi risposto a una seconda domanda sul partito della coalizione che voterebbe. Il 20% del campione ha risposto che voterebbe per Forza Italia, il 6% per Fratelli D’Italia, partito di Messina, il 4% per la Lega (dato da prendere in considerazione) mentre solo l’1% voterebbe per Noi per l’Italia. Il 6% degli intervistati opterebbe invece solo per il candidato.

Al secondo posto del sondaggio col 30% si è piazzato il candidato del centrosinistra Berretta. Il 15% del campione intervistato ha risposto che voterebbe per il Pd, mentre solo il 4% per un altro partito della coalizione. Ma il dato ancora più interessante che riguarda Berretta è il campione di elettori che sceglierebbe soltanto lui, che si piazza all’11%, solo 4 punti in meno del suo partito. Ciò vuol dire che se il Pd avesse candidato qualcun altro la percentuale di voti sarebbe potuta essere molto più bassa. Molto minore forse del 29% in cui il sondaggio piazza la candidata Laura Paxia dei grillini.

Passando ad esaminare il collegio uninominale di Misterbianco qui a contendersi un seggio saranno Giovanni Pistorio per il centrodestra, Luca Sammartino per il centrosinistra e Simona Suriano per i Cinquestelle. Pistorio è un politico navigato, con un trascorso anche nel governo Crocetta nel quale ha ricoperto l’incarico di assessore alle Infrastrutture.

Luca Sammartino per il centrosinistra, deputato regionale, nelle precedenti elezioni per l’Ars è stato il più votato in assoluto. La candidata dei M5S è Simona Suriano, avvocatessa, vecchia attivista del movimento.

Attualmente anche in questo collegio il centrodestra è avanti di 6 punti percentuali. Pistorio infatti è primo col 37%, con il 19% di voti che andrebbero a Forza Italia, il 6% per Fratelli D’Italia, il 3% alla Lega Nord e soltanto l’1% al partito di appartenenza di Pistorio. Nel sondaggio l’8% ha dichiarato che voterebbe solo per il candidato.

Per quanto riguarda Sammartino la sua percentuale si ferma al 31%, con il 15% che voterebbe per il Pd, 5 per gli altri partiti della coalizione, ma l’11% sceglierebbe solo per il candidato. Come Berretta anche Sammartino accresce il risultato finale del partito. Simona Suriano del 5Ms si piazza invece al 29%.

Andando al collegio uninominale di Acireale, gli sfidanti sono Basilio Catanoso, deputato naz. uscente di Forza Italia, per il centrodestra; Nicola D’Agostino, deputato regionale per la coalizione di centrosinistra e la deputata uscente dei cinquestelle Giulia Grillo. Catanoso ottiene come a Catania il 38% delle intenzioni di voto, con un 19% di votanti che sceglierebbe Forza Italia, il 6% Fratelli D’Italia, il 4% la Lega nord e il 2% Noi per l’Italia. Il 7% degli elettori sceglierebbe solo il candidato.

Nicola D’Agostino ottiene il 28% delle intenzioni voto, col 15% del Pd e il 5 degli altri partiti. Voterebbe solo per il candidato l’8% degli elettori. La grillina uscente Giulia Grillo si piazza terza, secondo il sondaggio col 28% dei voti. Il segnale che emerge da questa indagine è il ritorno schiacciante del centrodestra, la percentuale significativa ottenuta dalla lega e l’aumento dei voti di Fratelli D’Italia che al suo interno accoglie anche i candidati di «Diventerà bellissima». Nel centrosinistra invece il dato da prendere in esame è il valore aggiunto dei singoli candidati che per quanto riguarda Catania potrebbe essere utile al partito in vista delle amministrative.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO