home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Il Comune di Valverde mette online gli sporcaccioni

Postato su Fb un video degli “zozzoni” della periferia che scaricano rifiuti in strada

Il Comune di Valverde mette online gli sporcaccioni

VALVERDE - Non sai dove gettare i rifiuti ingombranti? Hai un vecchio frigorifero o un divano e non sai come smaltirli? E’ molto semplice. Basta aspettare che cali il sole e si faccia buio, poi un giro di perlustrazione per vedere che non ci sia nessuno e tutto diventa semplice…

A Valverde è caccia allo zozzone. Oltre un centinaio di verbali per altrettanti incivili che, senza rispetto per il bene comune, ledono l'immagine di tutti. E il Comune diffonde le immagini dei trasgressori ripresi dalle telecamere di videosorveglianza sulla propria pagina facebook.

«Sarebbe il caso di non nascondere i volti per dare nomi e cognomi a chi abbandona per strada rifiuti. Ma nessuno ci vieta di condividere più possibile», commenta qualcuno.

Nelle immagini si vedono persone che depositano di nascosto rifiuti anche ingombranti, altre che scaricano materiale incrementando piccole discariche ai margini di alcune strade periferiche, altre ancora che non rispettano il calendario della differenziata. Il video è stato curato dal comando della Polizia municipale che continua senza sosta la sua opera di controllo e a multare senza… pietà i trasgressori.

Il primo cittadino Saro D’Agata è partito con la sua crociata contro gli sporcaccioni, non solo facendo multe salate, ma mettendoli alla gogna attraverso i social e invita a segnalare chi abbandona i rifiuti in strada. «Chiediamo ai cittadini di collaborare nel prendersi cura della città», esorta il comandante della Polizia municipale Gianfranco Conte, e fa sapere che nelle prossime settimane alcune telecamere saranno posizionate nelle zone periferiche, «perché a Valverde arrivano molti pendolari dei rifiuti da altri paesi». Le telecamere inquadrano anche i veicoli da cui avviene lo scarico. Una volta registrato il numero di targa, risalire al responsabile è un gioco da ragazzi. Così la multa è servita.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO