home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Catania, usavano l'auto di servizio per spesa e vacanze: sospesi 5 dipendenti di Pubbliservizi

I provvedimenti cautelari del Tribunale di Catania sono stati notificati dalla Squadra Mobile etnea. E l'inchiesta riguarda solo il periodo che va da luglio a settembre dello scorso anno

Catania, usavano l'auto di servizio per spesa e vacanze: sospesi 5 dipendenti di Pubbliservizi

Cinque dipendenti della Pubbliservizi Spa sono stati sospesi dal servizio su ordine del gip del Tribunale di Catania. I provvedimenti cautelari richiesti dalla Procura di Catania sono stati notificati ad altrettante persone dai poliziotti della Squadra Mobile della Questura etnea. I cinque sono accusti di peculato perché tra luglio e settembre dello scorso anno i cinque dipendenti della Pubbliservizi S.p.a, società che in house dell’ex Provincia Regionale che svolge diverse funzioni di manutenzione degli edifici pubblici che, avendo per ragioni di servizio la disponibilità degli automezzi della società, se ne sono appropriati, utilizzandoli sistematicamente per fini privati sia durante che al di fuori dell’orario di servizio.

GUARDA IL VIDEO

Le indagini, coordinate dalla Procura Distrettuale di Catania, sono state avviate dopo un rapporto investigativo dei poliziotti del Commissariato di Borgo – Ognina e si sono avvalse anche delle risultanze di pedinamenti e osservazioni video. I sistemi di localizzazione satellitare G.P.S. installati sulle autovetture di servizio hanno così fatto emergere l’indebito utilizzo dei mezzi ad opera di alcuni dipendenti i quali oltre ad utilizzare i veicoli per fini meramente privati, erano anche soliti parcheggiarli a casa loro e della loro residenza estiva, come se fossero mezzi di proprietà.

Infatti due dipendenti della Pubbliservizi si recavano con le auto di servizio nelle loro case di villeggiatura in provincia di Siracusa, mentre altri, sia durante che oltre l’orario di servizio o anche nei periodi di ferie, le utilizzavano per raggiungere esercizi commerciali (supermercati e negozi). In un episodio addirittura le auto della società sono state utilizzate per recarsi presso agenzie di scommesse o ulteriori luoghi ricreativi. I cinque indagati hanno attestato sistematicamente false prestazioni lavorative, in realtà mai effettuate, indicandone i relativi orari nonché la tipologia di lavoro svolto nel “foglio presenze” e nel modulo denominato “riepilogo trasferta viabilità”. In tal modo venivano regolarmente retribuiti dalla società “Pubbliservizi S.p.a.”, procurandosi un profitto con contestuale danno economico alla Città Metropolitana di Catania che ha erroneamente elargito somme di denaro come retribuzione di prestazioni lavorative mai effettuate. Il G.I.P. del Tribunale di Catania, tenuto conto del grado di gravità e di reiterazione dei fatti delittuosi compiuti, ha comminato una differente durata della misura cautelare della sospensione dal pubblico servizio, che risulta per due destinatari di 6 e 8 mesi, mentre per gli altri tre di 10 mesi.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO