home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Tagli al Bellini di Catania, appello di Bianco e Pogliese alla Regione per evitare crisi

Il sindaco di Catania e il candidato a sindaco alle prossime amministrative, si rivolgono entrambi al presidente Musumeci e all'assessore al Turismo Sandro Pappalardo affinchè si attivino per scongiurare il taglio da 2 mln €

Tagli al Bellini di Catania, appello di Bianco e Pogliese alla Regione per evitare crisi

Catania - «Non mettiamo il teatro nel calderone dei tagli alla Cultura: sarebbe un suicidio pensare di mettere sulla strada 250 dipendenti regionali in una città come la nostra, senza contare le ricadute pesantissime sul turismo». Lo dice il sindaco di Catania Enzo Bianco a proposito del teatro Bellini. «Deve essere chiaro che il Teatro Massimo Bellini di Catania, se la Regione continuerà a parlare di tagli, rischia la chiusura e che che 250 dipendenti regionali dovranno essere licenziati, un vero suicidio, considerando anche le ricadute pesantissime su un turismo in forte crescita», aggiunge.


Enzo Bianco, sindaco di Catania e presidente del consiglio d’amministrazione del teatro lirico etneo, ha ricordato inoltre che il Massimo di Catania, al contrario di quello di Palermo, non può attingere a finanziamenti statali non possedendo lo status di ente lirico nazionale. Essendo un ente autonomo regionale, dunque, è la Regione il suo principale finanziatore. «So - ha affermato Bianco - quanto il presidente della Regione Nello Musumeci sia attento e sensibile riguardo alla situazione del Teatro Massimo. Proprio per questo facciamo appello a lui e all’assessore al Turismo Sandro Pappalardo, anche lui catanese, perché intervengano per risolvere questa gravissima situazione».  

E sui probabili tagli all'ente lirico catanese interviene anche il candidato a sindaco alle prossime amministrative a Catania, Salvo Pogliese: “Nonostante l’urgenza e la gravità dei problemi che il governo regionale è quotidianamente chiamato ad affrontare, mi auguro che si trovi una soluzione per evitare il taglio da due milioni di euro al Teatro Massimo “Vincenzo Bellini” di Catania, decurtazione che rischia di paralizzare l’ente lirico, che è sì patrimonio della città e importante richiamo turistico, ma anche vanto per la Sicilia intera, per la bellezza in sé e la qualità dell’offerta sempre di livello internazionale. Turismo e cultura sono un binomio inscindibile e il “Bellini” ha svolto e deve continuare a svolgere un ruolo importante per Catania e per l’Isola tutta”.

 “Comprendiamo bene come la Regione Siciliana si stia trovando in una situazione di asfissia finanziaria storicamente mai vissuta prima”, ha proseguito Pogliese, “con una esiguità di risorse con cui fare drammaticamente i conti ogni giorno. Ovvio però come nel caso del “Bellini”, l’istituzione culturale in assoluto più importante della nostra città, sia opportuno che il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, e l’assessore allo Spettacolo, Sandro Pappalardo, per inciso entrambi catanesi e sempre sensibili ai temi della cultura, facciano il massimo sforzo per evitarne la crisi”.

 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO