home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Scandalo rifiuti Catania, sequestrate le società Eco-Car e Ipi

Si tratta di due società impegnate nell'appalto per raccolta dei rifiuti solidi urbani nel capoluogo etneo finito nell'inchiesta Garbage Affair

Scandalo rifiuti Catania, sequestrate le società Eco-Car e Ipi

CATANIA - Su delega della Procura, personale della Dia di Catania, diretta da Renato Panvino, supportato dal Centro Operativo di Roma, sta sequestrando, tra la Capitale e Latina, tutte le quote sociali della Eco.Car srl e della Ipi srl, società interessate alla raccolta dei rifiuti solidi urbani nel capoluogo etneo, nell’ambito dell’indagine 'Garbage Affair' su un appalto da 350 milioni di euro del Comune. Lo ha disposto il Tribunale del Riesame di Catania.

Nell’inchiesta sono indagati anche dirigenti del settore Ecologia e Ambiente e della Ragioneria Generale del Comune di Catania e imprenditori titolari delle due società sequestrate che si occupavano della raccolta dei rifiuti. I reati contestati, a vario titolo, sono turbata libertà degli incanti in concorso, corruzione e istigazione alla corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio in concorso. Il Tribunale del Riesame, accogliendo l'appello della Procura contro il rigetto del Gip, ha disposto il sequestro delle quote societarie delle aziende "indagate".

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO