WHATSAPP: 349 88 18 870

Lavoratori Qè trovano cancelli chiusi al rientro dallo sciopero

Amara sorpresa per i 600 dipendenti del call center di Paternò che protestano per la mancanza di stipendi e ammortizzatori sociali. Presentato un esposto a Carabinieri e Ispettorato del Lavoro

Paternò, cancelli sbarrati al call center QE'

CATANIA - «Porte chiuse al call center Qè al rientro dei lavoratori dallo sciopero. Una brutta sorpresa per i 600 operatori senza stipendio e senza ammortizzatori da 4 mesi». Lo segnalano i sindacati che hanno denunciato l’accaduto ai carabinieri, e parlando di «serrata aziendale per dei dipendenti che da troppe settimane vivono una pericolosa situazione di stallo, un limbo insopportabile».


Un esposto è stato presentato da Slc Cgil e Fistel Cisl anche all’Ispettorato del lavoro che ha convocato una riunione, «alla quale - sottolineano i sindacati - l’amministratore delegato del call center ha preferito inviare una nota e non partecipare».
Per la Slc Cgil di Catania «quello dell’azienda è un atto deplorevole» ed «è soltanto l’ultima delle iniziative contro i suoi lavoratori». «Stiamo continuando a sollecitare il Mise per l'apertura di un tavolo di crisi - aggiungono dal sindacato - che possa risolvere questa vertenza delicatissima. Riteniamo inaccettabile il silenzio assordante delle committenti Enel, Inps, Wind e Sky».
La Slc Cgil «stigmatizza la latitanza del sindaco della Città metropolitana rispetto all’impegno di un intervento e soprattutto rispetto alla promessa di un incontro che ad oggi sembra solo utopia». E annuncia la presentazione di «un esposto alla Procura per fare chiarezza sui comportamenti di una azienda che appaiono fuori dalle regole». 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa