WHATSAPP: 349 88 18 870

Audizione prefetto Catania all' Antimafia, Francesca Raciti : «Mio padre mai indagato»

Il presidente del Consiglio Comunale di Catania precisa la posizione del congiunto in merito ai controlli di cui il prefetto Federico ha riferito in Commissione

Audizione prefetto Catania all' Antimafia,  Francesca Raciti : «Mio padre mai indagato»

Francesca Raciti, presidente Consiglio comunale Catania

Catania - «Apprendo da notizie giornalistiche delle dichiarazioni rese dal Prefetto dott.ssa Federico davanti la Commissione Nazionale Antimafia in relazione alle attività da Ella svolte a seguito della relazione della Commissione Regionale Antimafia sulle presunte infiltrazioni al Consiglio Comunale di Catania.

Preciso che già dal momento in cui la vicenda era emersa ho ritenuto per ben due volte, nell'ottobre del 2014 prima e successivamente nel febbraio del 2015, di scrivere personalmente, in ragione del mio ruolo di Presidente del Consiglio Comunale di Catania, al Prefetto ed al Procuratore capo di Catania dottor Salvi chiedendo di svolgere indagini approfondite e al contempo celeri per poter permettere al Consiglio Comunale di svolgere la proprio attività serenamente e con legittimazione piena agli occhi della città.

Oggi, al netto dello stupore che provo nel leggere il mio nome associato ad elementi dei quali non avevo avuto fino a questo momento nessun riscontro, non essendo stata coinvolta nelle segnalazioni anonime nè tantomeno nella relazione della Commissione regionale Antimafia, non posso far altro che confermare le stesse richieste di chiarezza già manifestate precedentemente a difesa dell'onorabilità delle persone e dell'autorevolezza del Consiglio Comunale.

Entro brevemente nel merito sulle specifica posizione di mio padre Raciti Carmelo, precisando che solo oggi, per via delle notizie giornalistiche, lo stesso è venuto a conoscenza di essere stato oggetto di dichiarazioni rese nell'ambito del procedimento penale denominato Iblis.
Al riguardo mi pare possa scansare ogni equivoco il fatto che, nonostante il procedimento in questione sia già stato definito in due gradi di giudizio, mio padre non ha mai ricevuto dalla magistratura nessuna comunicazione che lo riguardi, nè risulta essere mai stato indagato in qualsivoglia altro procedimento per reati associativi di alcuna natura.

Continuerò pertanto a svolgere il mio lavoro nella consapevolezza di aver agito sempre in piena libertà, rispondendo alla mia coscienza, nell'esclusivo interessa della città di Catania, in piena sintonia con il Sindaco avv. Enzo Bianco e con l'amministrazione comunale».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

I controlli antiterrorismo a Catania

 
Catania, sventata rapina a Tir, sei arresti

 
Comiso, ecco il piromane del Comune

 

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa