WHATSAPP: 349 88 18 870

Ct-Sr al buio: ora rubano anche l'alluminio

Allarme nelle gallerie dell'arteria dopo l'ultimo incidente per fortuna non grave. Nonostante la sostituzione dei cavi di rame i ladri sono tornati in azione. Alla Camera c'è una proposta di legge per inasprire le pene

Ct-Sr al buio: ora rubano anche l'alluminio

Già da qualche giorno l’Anas ha inviato le squadre degli operai per l’installazione di altri cavi dopo che quelli, già da qualche mese sostituiti, sono stati nuovamente oggetto di furto ad opera di una banda che si è specializzata nella sottrazione prima delle matasse di rame, adesso di quelle d’alluminio.

Tornano a essere illuminate le gallerie del tratto autostradale, fin troppe volte scenario di incidenti anche gravi, mentre non si placano le polemiche tra gli automobilisti che transitano per quell’arteria stradale e anche tra i politici, alcuni dei quali ne fanno una questione di principio oltre che di difesa del territorio.

Il più agguerrito è il deputato regionale Vincenzo Vinciullo, il quale più volte sulla questione delle gallerie al buio è intervenuto con interrogazioni parlamentari all’Ars. «Poco importa se adesso sono stati riposizionati i cavi per il ripristino dell’illuminazione delle gallerie - dice Vinciullo - Il problema si è riproposto nei mesi scorsi e potrebbe continuare a ripresentarsi a breve se non si prendono i dovuti provvedimenti. Per tale motivo ho chiesto un colloquio col presidente dell'Anas al quale ho intenzione di sollecitare la rimozione dei funzionari che si occupano della vicenda. Non è consentito che una cosa aggiustata appena pochi mesi fa, oggi o al massimo domani sia nuovamente in condizioni precarie».

Il deputato siracusano vuole che l’Anas faccia una verifica su come vengano spesi i soldi pubblici: «Qualcuno dovrebbe dire per quale motivo queste gallerie non sono più sicure. Si era pensato di sostituire i cavi di rame con quelli di alluminio per evitare furti, e sono stati rubati anche questi. Ci dicano se si sia trattato di un malfunzionamento della cabina elettrica, di un guasto ai riduttori o altro ancora. Così com’è indispensabile che, al riproporsi del problema, siano attivati i segnalatori per ridurre la velocità dei mezzi che affrontano le gallerie al buio, quando, invece, l’ignaro automobilista improvvisamente scopre che le luci artificiali sono spente».

Un rischio che sembrava essere scongiurato con l’utilizzo di un nuovo sistema di alimentazione dell’energia elettrica. L’Anas, infatti, nei mesi scorsi, ha avviato un intervento di manutenzione straordinaria per ripristinare gli impianti con un investimento complessivo di 1 milione e 300 mila euro. Si ipotizzava che l’utilizzo dell’alluminio, come conduttore, avesse evitato il verificarsi di continui furti, consumati da bande organizzate lungo l’autostrada, ma così non è stato, visto che si sono verificati altri furti di cavi. Per scongiurare l’inconveniente, nemmeno è sufficiente il sistema di controllo adottato dalla Polstrada, che pure ha portato all’arresto di alcuni responsabili dei furti di rame, il famoso oro rosso.

Un deterrente per i ladri potrebbe arrivare dalla proposta di legge, approvata in questi giorni alla Camera che introduce nel codice penale il reato di «furto in danno di infrastrutture energetiche e di comunicazione», con inasprimento delle pene rispetto alle attuali per coloro che incorrono in questa tipologia di infrazione.

Il caso. L’autostrada Siracusa-Catania è ritenuta tra le più moderne e tecnologicamente avanzate. Ma, allo stesso tempo, mostra ogni giorno di più la propria vulnerabilità. E’ difficile, infatti, scoprire i responsabili dei continui furti di cavi prima di rame oggi d’alluminio. la conseguenza più diretta e pericolosa è il fatto che le sedici gallerie costruite lungo tutto il tracciato, piombano nel buio con il rischio di incidenti stradali anche di una certa gravità. come già si sono registrati negli ultimi anni, da quando, cioè, il fenomeno dei furti si è intensificato. Eppure, la Polstrada ha operato diversi arresti di ladri di rame nell’ultimo periodo.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa