WHATSAPP: 349 88 18 870

Giarre, bloccarono ferrovia per protesta: in 35 rinviati a giudizio

La decisione del Gup di Catania per la manifestazione del 23 maggio 2015, scaturita dalla morte, per un presunto caso di malasanità, di Maria Mercurio, soccorsa in casa da una ambulanza del 118 non medicalizzata

Giarre, bloccarono ferrovia per protesta: in 35 rinviati a giudizio

Sono stati rinviati tutti a giudizio i 35 indagati per l’occupazione dei binari alla stazione di Giarre-Riposto, durante la manifestazione del 23 maggio 2015, scaturita dalla morte, per un presunto caso di malasanità, di Maria Mercurio, soccorsa in casa da una ambulanza del 118 non medicalizzata.

Così ha deciso stamane, il Gup Gaetana Bernabo’ Di Stefano, dopo una breve camera di consiglio. Il processo prenderà il via il 23 febbraio 2018, sezione 1 di via Crispi. Secondo l’accusa i manifestanti (tra loro anche l’ex sindaco di Giarre, Salvo Patanè, ex consiglieri comunali) prendendo parre ad una manifestazione di protesta contro la malasanità, ostruendo o comunque ingombrando i binari della stazione ferroviaria di Giarre-Riposto, cagionavano un’interruzione del servizio pubblico, turbando la regolarità del servizio pubblico trasporto ferroviario lungo la tratta Catania-Messina e viceversa.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa